Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Nuovo materiale assorbe radiazioni solari e accumula calore

Nuovo materiale assorbe radiazioni solari e accumula calore

Sarà utile per alleggerire costi della desalinizzazione del mare

VENEZIA, 26 febbraio 2024, 11:28

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Un nuovo materiale in grado di assorbire la totalità della radiazione solare, ed al contempo trattenere il calore accumulato, è stato realizzato da un gruppo internazionale di scienziate e scienziati dell'Università Ca' Foscari Venezia, Lulea University of Technology (Svezia), Consiglio nazionale delle ricerche e Linköping University (Svezia).
    Il progetto su cui lavora il gruppo ha lo scopo di produrre nuovi materiali capaci di assorbire completamente la radiazione solare, ottenendo superfici ultra-calde per varie applicazioni, tra cui la desalinizzazione dell'acqua con basso consumo energetico e la cottura di cibi in zone isolate ad alta insolazione. L'invenzione è stata presentata in un articolo scientifico pubblicato su Nature Communications.
    Attualmente la desalinizzazione dell'acqua è un processo estremamente energivoro, ma è di capitale importanza in regioni con scarsità di acqua potabile, la cui estensione aumenta di anno in anno a causa del riscaldamento globale.
    "Il nuovo materiale - spiega Alberto Vomiero, professore di Scienza dei materiali a Ca' Foscari - è caratterizzato da un'alta porosità e particolari proprietà elettroniche, grazie alle quali riesce ad assorbire la totalità della radiazione solare, ed al contempo a non disperdere il calore accumulato. Di conseguenza, la superficie supera i 100 gradi centigradi dopo soli quattro minuti di irraggiamento con luce solare. Il nuovo materiale è stato testato per la desalinizzazione usando luce solare artificiale raggiungendo ottime prestazioni ed una temperatura superficiale di 50 gradi centigradi a contatto con l'acqua".
    Il risultato della ricerca potrà contribuire allo sviluppo di nuovi sistemi semplici, a basso costo e basso impatto ambientale per la desalinizzazione dell'acqua in zone aride o con mancanza di acqua potabile, o per la realizzazione di superfici ultra-calde in zone ad alta insolazione.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza