Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Il vino si fa letteratura, primo Festival su colline Prosecco

Il vino si fa letteratura, primo Festival su colline Prosecco

Autori e aziende vinicole, anche i 5 finalisti del Campiello

SUSEGANA, 06 maggio 2023, 19:02

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Debutta sulle colline del Prosecco Docg, al castello di San Salvatore, di Susegana (Treviso), il primo Festival della letteratura del vino, una rassegna di due giorni iniziata questa mattina e promossa dal Consorzio di tutela del Conegliano-Valdobbiadene.
    All'evento partecipano circa 30 aziende vitivinicole della zona, l'Associazione per il patrimonio Unesco delle colline del Prosecco e vari esponenti della stampa nazionale di categoria, oltre a numerosi autori di produzioni letterarie dedicate al vino.
    Uno spazio particolare è stato dedicato ai cinque finalisti del premio Campiello Giovani i quali, ospitati dal Consorzio in questi ultimi tre giorni, hanno composto dei racconti ispirati al territorio visitato ed all'attività dei produttori del famoso vino con le bollicine.
    "Abbiamo immaginato questo festival - ha sottolineato Elvira Bortolomiol, presidente del Consorzio di tutela della Docg - perché avevamo bisogno di poter condensare nelle parole il valore del nostro vino e delle colline del 'Conegliano Valdobbiadene'". "In questo periodo storico abbiamo tantissime sfide da affrontare e tantissime situazioni difficili che vanno superate, in cui abbiamo veramente bisogno di tornare entro noi stessi ed entro la nostra denominazione per ripercorrere il passato traendone aspetti e messaggi per il futuro che devono proprio essere scritti, segnati e ricordati" ha concluso Bortolomiol.
    "Co(u)ltura Conwgliano-Valdobbiadene", questo il nome del Festival, ha l'ambizione di dimostrare che il vino non è soltanto un prodotto da consumare, ma espressione culturale, passione, fatica e condivisione.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza