Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Villa di epoca romana emerge dalla spiaggia di Bibione

Villa di epoca romana emerge dalla spiaggia di Bibione

Al lavoro 20 archeologi delle Università di Regensburg e Padova

BIBIONE, 04 marzo 2023, 13:12

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

I resti di una villa di epoca romana sono stati portati alla luce sulla spiaggia di Bibione, sulla costa veneziana. L'esistenza della struttura, denominata "Villa di Mutteron dei Frati", era nota fin dalla metà del Settecento, e rappresenta un unicum, spiegano gli studiosi, sia per lo stato di conservazione, con strutture preservatesi in elevato anche fino a 2 metri di altezza, sia per le possibilità che offre alla ricerca.
    Nelle prossime settimane gli archeologi inizieranno le indagini, che dureranno fino alla fine del mese; nelle intenzioni del team è organizzare anche un'apertura straordinaria al pubblico, in data da definire.
    La rilevanza del sito è stata segnalata a più riprese, prima dall'avvocato concordiese Dario Bertolini (inizi '800) e poi da Aulo Gellio Cassi (anni '30 del Novecento), un latisanese a cui si deve il primo scavo nell'area del Mutteron dei Frati. Negli anni Novanta la Soprintendenza Archeologica del Veneto aveva intrapreso una nuova campagna di scavi che ha messo in luce e reso parzialmente visibili alcuni ambienti decorati della villa.
    Nella pineta della Valgrande, ai piedi dell'antica duna litoranea che interessa l'area, verrà eseguita ora una campagna di prospezioni geofisiche su una superficie di circa 200 metri quadrati, accanto ai resti della villa romana ancora in parte visibili che sono rappresentate da strutture murarie con affreschi parietali e pavimenti in mosaico. Lo scavo sarà documentato da un'equipe costituita da 20 archeologi afferenti alle Università di Regensburg e Padova.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza