Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Condannati per rapina a guardia giurata 11 anni fa, arrestati

Condannati per rapina a guardia giurata 11 anni fa, arrestati

Due quarantenni individuati nel sestiere di Castello

VENEZIA, 27 febbraio 2023, 16:12

Redazione ANSA

ANSACheck

MAFIA: NAPOLI; ARRESTATI OTTO NIGERIANI DEL GRUPPO ' BLACK AXE ' - RIPRODUZIONE RISERVATA

MAFIA: NAPOLI; ARRESTATI OTTO NIGERIANI DEL GRUPPO   ' BLACK AXE ' - RIPRODUZIONE RISERVATA
MAFIA: NAPOLI; ARRESTATI OTTO NIGERIANI DEL GRUPPO ' BLACK AXE ' - RIPRODUZIONE RISERVATA

I Carabinieri del Nucleo Operativo di Venezia hanno arrestato due quarantenni veneziani, condannati definitivamente per una rapina ai danni di una guardia giurata, commessa nel centro storico veneziano nel dicembre 2012. I due sono stati rintracciati nel sestiere di Castello e portati alla Casa Circondariale di Venezia, dove dovranno scontare la pena di 4 anni e 6 mesi.
    La rapina era avvenuta la notte del 28 dicembre 2012; una guardia giurata, durante il servizio notturno di controllo era stata affrontata in modo violento dai due, travisati da passamontagna, e minacciata con una pistola e un coltello puntato alla gola. Dopo essersi fatti consegnare la pistola dell'agente, i due avevano danneggiato il natante dell'istituto di vigilanza, scappando a bordo di un barchino.
    L'indagine, grazie anche alla conoscenza delle persone pregiudicate nel territorio veneziano, si sono orientate sui due veneziani, grazie anche a intercettazioni telefoniche, che sono poi sfociate nel processo, conclusosi in Cassazione il 23 febbraio scorso, con la dichiarazione di inammissibilità dell'ultimo ricorso.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza