Veneto
  1. ANSA.it
  2. Veneto
  3. Covid: in Veneto sempre più contagi ma rimane 'giallo'

Covid: in Veneto sempre più contagi ma rimane 'giallo'

Zaia, per la scuola puntare su autosomministrazione test

(ANSA) - VENEZIA, 04 GEN - Mentre il Veneto torna a registrare aumenti record nei nuovi casi di Covid-19 - oggi sono 16.602, con 28 decessi - l'attenzione della politica è concentrata sulla prossima riapertura delle scuole e sulle paventate chiusure per timore di un'ulteriore diffusione dei contagi.
    In attesa di una linea comune delle Regioni, stamani il presidente Luca Zaia è tornato a battere sul tasto della possibilità dell'autodiagnosi per gli studenti, ,mutuato da esperienze di paesi come Israele e Gran Bretagna. "Tifiamo - ha detto in conferenza stampa - perché la scuola apra, ma deve essere la comunità scientifica a certificare la possibilità.
    Faccio appello agli esperti e al Cts perché entro questa settimana ci dicano se dal 10 gennaio si riaprono scuole, e per chi. L'anno scorso si è andati a sensazione, oggi è giusto essere severi, dopodiché tutti tifiamo per riaprire".
    Il rialzo dei casi in regione si deve anche all'aumento dell'attività di tracciamento, con oltre 153.227 tamponi fatti ieri, per un'incidenza del 10,8%, che rimane sotto la media nazionale. Il totale degli infetti dall'inizio pandemia sale a 686.879, quello delle vittime a 12.445. Le persone attualmente positive sono 124.359. I ricoverati in area medica salgono a 1.366 (+50), e 209 (+9) quelli in terapia intensiva. Mancano comunque ancora punti percentuali sull'occupazione dei reparti: nelle aree mediche i pazienti Covid sono il 20,2%, rispetto al limite 'zona arancio' del 30%, mentre nelle terapie intensive l'occupazione è al 19,4% rispetto al tetto del 20%. L'incidenza dei contagi su 100 mila abitanti è di 820,1, mentre l'indice Rt è di 1,19, un livello, secondo Zaia, "abbastanza contenuto".
    Altro appello odierno di Zaia è sulla quarta dose di vaccino, per cui ha auspicato che "la storia vissuta con la terza dose in Italia non venga ripetuta: abbiamo perso un mese e mezzo a favore degli anziani e per chi aveva concluso il ciclo da 6 mesi", ha sottolineato.
    Intanto la Giunta regionale ha emesso una delibera per dare la possibilità ai medici di base di ampliare in via temporanea e volontaria da 1.500 a 1.800 i propri pazienti, con un'indennità ulteriore, per far fronte alle zone 'scoperte' per scarsità di professionisti. Per i medici di continuità assistenziale - le 'Guardie mediche' - la tariffa è stata parificata a quelli delle Usca, da 23 a 40 euro all'ora. Queste misure complessivamente costerebbero 52 milioni di euro all'anno, disponibili nel Fondo sanitario regionale. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA



      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere


      Modifica consenso Cookie