Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Precipita in una cava, indagati due amministratori dell'impresa

Precipita in una cava, indagati due amministratori dell'impresa

Pm, mancano barriere di protezione. Zona sotto sequestro

AOSTA, 03 maggio 2023, 16:42

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Ci sono due indagati dalla procura di Aosta per l'incidente sul lavoro in cui era rimasto infortunato Ivan Hérin, l'operaio di 40 anni di Fénis che il 20 marzo scorso era precipitato per circa 40 metri in una cava di marmo verde dorato della Chapellu srl in località Cheran, a Verrayes. Si tratta di Mirko Chapellu e Milena Chapellu (assistiti dall'avvocato Claudio Soro), amministratori della società, per i quali la procura di Aosta ha formulato al momento l'ipotesi di reato di lesioni personali colpose con violazione della norme sugli infortuni sul lavoro. L'indagine non è ancora chiusa.
    Secondo gli accertamenti dello Spresal, la zona da cui Hérin era precipitato avrebbe dovuto essere protetta con delle barriere alte circa 70 cm, come prescritto con un provvedimento che aveva fatto seguito a un sopralluogo del 2020. Non essendo però stati trovati questi sistemi di protezione, il pm Francesco Pizzato ha disposto il sequestro preventivo d'urgenza della cava, che poi il gip di Aosta ha convalidato.
    In base a una prima ricostruzione emersa poche ore dopo i fatti, si è trattato di un incidente autonomo. 
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza