Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Aosta, al via il progetto di inclusione per donne straniere

Aosta, al via il progetto di inclusione per donne straniere

Si chiama "Sentirsi a casa" e lo finanzia il Ministero

AOSTA, 01 marzo 2023, 15:19

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Sentirsi a casa": è il nome del progetto di inclusione sociale realizzato da una rete di cinque cooperative sociali valdostane e finanziato con il fondo nazionale per le politiche migratorie.
    L'adesione del Comune di Aosta al progetto lanciato a livello nazionale dal ministero per le politiche sociali è arrivata a giugno 2021. L'ok ufficiale di dicembre e il primo accredito da 400 mila euro hanno portato oggi alla sua realizzazione concreta: coinvolge 30 bambini e 20 donne sole, con o senza figli, straniere e che si trovano in un momento.
    "Non si tratta di dare una casa a coloro che ne hanno bisogno - spiega l'assessora alle Politiche sociali del Comune di Aosta, Clotilde Forcellati - si tratta di aiutare queste donne a sentirsi parte di una comunità e sentirsi accolte. L'obiettivo è far emergere le loro potenzialità accompagnandole in un percorso di inclusione, socializzazione, inserimento lavorativo".
    Il progetto ha previsto la realizzazione di un appartamento al Jb Festaz di Aosta: può ospitare in contemporanea tre donne con i loro figli. "Si tratta di una casa transitoria che permetterà loro di rinforzarsi - prosegue Forcellati - durante il loro percorso verso l'autonomia". Il Jb Festaz "ha aderito con impegno per un dovere soprattutto etico - aggiunge Ruggero Meneghetti, presidente del cda della struttura - dal momento che siamo un ente che si occupa di assistere malati e bisognosi da tre secoli e mezzo".
    Le donne saranno seguite da operatrici formate per individuare una soluzione abitativa stabile e un'attività lavorativa, senza "sottovalutare l'impegno per ampliare la loro rete di relazioni informale: quello che consente davvero di sentirsi a casa", conclude Tiziana Gagliardi, delle cooperativa Enaip. 
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza