Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Regioni nord, Alpi in condizioni ottimali per lo sci

Regioni nord, Alpi in condizioni ottimali per lo sci

Grazie a nevicate dicembre e a temperature gennaio

AOSTA, 11 gennaio 2023, 17:52

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Il prodotto alpino italiano è oggi nelle condizioni ambientali ottimali per offrire una vacanza legata allo sci di qualità grazie alle nevicate di metà dicembre e al lavoro degli addetti delle società impiantiste nella preparazione delle piste. Le temperature sopra la media stagionale registrate nelle scorse settimane non hanno compromesso le condizioni di sciabilità dei comprensori dell'arco alpino italiano". E' quanto emerso durante una riunione gli altri assessori delle regioni alpine italiane con delega agli impianti di risalita relativamente all'attuale contesto turistico invernale.

"Le recenti nevicate e il successivo calo delle temperature, in queste ore - riferisce l'assessore della Valle d'Aosta, Luigi Bertschy - garantiscono la possibilità, di produrre al meglio neve programmata e migliorare ulteriormente il fondo delle piste anche nella prospettiva dei futuri mesi di febbraio e marzo, che stanno già facendo registrare un'interessante richiesta a livello di prenotazioni, sia da parte del mercato italiano che internazionale". Le regioni alpine italiane, inoltre, sollecitano il governo riguardo agli interventi per i bacini per l'innevamento artificiale, che risultano fondamentali per assicurare la continuità e lo sviluppo del turismo invernale nelle località interessate. "Bacini che rivestono in generale quattro funzioni: oltre all'innevamento delle piste da sci infatti sono importanti per il turismo estivo, quale valore aggiunto al paesaggio, per l'agricoltura e per la disponibilità di acqua negli interventi antincendio".

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza