Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Sanità: 38mila prestazioni non erogate causa Covid nel 2021

Sanità: 38mila prestazioni non erogate causa Covid nel 2021

Corte conti, "in Vda sfida per prossimi anni è riorganizzazione"

AOSTA, 05 gennaio 2023, 14:25

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Quasi 38mila "prestazioni programmate e non erogate" dalla sanità valdostana "a causa degli effetti della pandemia da Covid-19" al 31 dicembre 2021: il dato emerge dalla relazione della Sezione di controllo della Corte dei conti sulla gestione del servizio sanitario della Regione Valle d'Aosta per l'esercizio finanziario 2021.
    In dettaglio si tratta di 2.230 prestazioni di specialistica ambulatoriale (al 31 dicembre 2020 erano invece 11.877), 2.308 di diagnostica strumentale e per immagini (6.893), 30.072 di screening (10.845), 3.331 ricoveri ospedalieri (951).
    La crescita del numero di positivo nel primo quadrimestre del 2021 "ha determinato - si legge nella relazione - una pesante riduzione delle attività ambulatoriali e chirurgiche non urgenti con grave appesantimento delle liste di attesa" e "l'attività di screening è ripresa nel mese di giugno e ha dovuto fronteggiare i notevoli ritardi pregressi".
    Secondo la Corte "si può ritenere che la vera sfida che il Servizio sanitario regionale, messo a dura prova dalla pandemia da Covid-19, dovrà affrontare nei prossimi anni è quella relativa alla sua riorganizzazione dopo i considerevoli tagli di spesa di cui era stato oggetto a causa della spending review. La pandemia ha, inoltre, messo in evidenza l'inadeguatezza dei modelli organizzativi sanitari tradizionali, aggravata a livello regionale dalla carenza di personale sanitario e dal posizionamento geografico in una zona di confine che ha favorito una fuga degli operatori verso i paesi limitrofi".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza