Giornata terra: Barocco (Uncem), serve ecologismo pragmatico

'In Italia vizio ideologico paralizzante'

(ANSA) - AOSTA, 22 APR - "La pandemia in corso ci ha fatto capire che dobbiamo lavorare per un ecologismo meno declamatorio farcito di slogan inutili, ma per un ecologismo più pragmatico, con più investimenti ambientali (agricoltura, energia, mobilità, rifiuti, territorio), però allo stesso tempo attento agli effetti su una crescita ordinata del Pil". Lo dichiara Jean Barocco, consigliere nazionale Uncem, in occasione dell'Earth Day 2021, la giornata mondiale istituita dalle Nazioni Unite per celebrare l'ambiente e la salvaguardia del pianeta.
    "L'ecologia non è di sinistra o di destra, l'ecologia dovrebbe essere patrimonio di tutti. In Italia, è però caratterizzata da un 'vizio' ideologico paralizzante: il conservazionismo, l'idea secondo cui protezione dell'ambiente significa intoccabilità, opposizione a ogni cambiamento, opera, infrastruttura".
    "I rifiuti - prosegue Barocco - sono diventati, in certe parti d'Italia, come le mucche dell'India, vanno contemplati in strada, ma non toccati e trattati. A tutti noi e soprattutto alla montagna serve un ecologia pragmatica, che permetta ai montanari di vivere in montagna, garantendo loro la stessa qualità dei servizi essenziali, come la diffusione della fibra ottica, l'istruzione, il Welfare, la sanità diffusi nei grandi agglomerati urbani: è un diritto democratico delle popolazioni di montagna e delle aree interne". Secondo Barocco "è necessario uscire da trent'anni di predicazione ambientalista, ma di paralisi realizzativa, dobbiamo con l'impegno di tutti superando 'dogmi ideologici' realizzare finalmente, ambientalismo efficace per riparare il Pianeta". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie