Donna uccisa ad Aosta, per gip Gabriel poteva assassinare ancora

Venerdì interrogatorio di garanzia per presunto killer

Per il gip di Aosta "il pericolo di recidivanza è elevatissimo" da parte di Gabriel Falloni, il trentaseienne in carcere per l'omicidio della trentaduenne Elena Raluca Serban: l'operaio sardo domiciliato a Nus è infatti "persona dedita alla commissione di gravi delitti contro la persona". Inoltre "nello stesso senso depone l'esame dei precedenti dell'indagato, condannato tra l'altro per sequestro di persona e violenza sessuale nonché per rapina e lesione personale, ciò ne disvela la proclività a delinquere". Lo si legge nell'ordinanza di custodia cautelare, emessa dal giudice Giuseppe Colazingari su richiesta del pm Luca Ceccanti, che coordina l'inchiesta della polizia insieme al procuratore capo di Aosta Paolo Fortuna. Venerdì alle 11.30 è in programma l'interrogatorio di garanzia per Gabriel Falloni.
    Secondo il gip è "chiara la sussistenza di gravi indizi di colpevolezza". Infatti "il contatto telefonico tra la vittima e l'indagato e la permanenza di quest'ultimo nello stabile" si colloca "nell'arco temporale in cui è stato commesso l'omicidio" e inoltre Falloni si è "impossessato della borsa di proprietà della Serban". Poco prima dell'appuntamento è infatti emersa dai tabulati una chiamata di 40 secondi tra l'arrestato e una delle cinque utenze intestate alla Serban e presente su siti web di escort.
    Per il magistrato "appare chiara" la "manifestazione della volontà di provocare la morte della persona offesa". Visto che dopo il delitto si era reso irreperibile nel suo domicilio di Nus (Aosta) e in tutta la regione, per Falloni sussiste anche il "pericolo di fuga". Infine "il pericolo è attuale" in base alla "personalità dell'accusato" e dall'esame "delle sue concrete condizioni di vita".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie