Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Papà figlia e figlio,a Città di Castello famiglia di arbitri

Papà figlia e figlio,a Città di Castello famiglia di arbitri

Il Comune li premia, 'esempio di lealtà e rispetto regole'

PERUGIA, 04 marzo 2024, 17:26

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA

Una famiglia di arbitri di calcio, a Città di Castello: ogni fine settimana, in coincidenza con le designazioni del Comitato regionale Aia Umbria, papà Flavio, 54 anni, titolare di un negozio di calzature nel centro storico, e i figli, Rossella, 22 anni, neo-laureata in tecniche di laboratorio biomedico con la votazione di 110 e lode ed Alessandro, 19 anni, studente universitario, borsone alla mano, salgono in auto per raggiungere gli stadi dove si svolgono le gare da dirigere, come arbitri o collaboratori.
    Un rituale familiare che è valso ai protagonisti un riconoscimento ufficiale da parte del Comune "per l'esempio di lealtà, rispetto delle regole, dei valori etici e sportivi dentro e fuori dal rettangolo di gioco", come recita la motivazione impressa nella targa che oggi allo stadio comunale "Corrado Bernicchi" è stata consegnata dal sindaco, Luca Secondi e dell'assessore allo Sport, Riccardo Carletti, alla presenza del presidente della sezione Aia di Città di Castello dell'Associazione italiana arbitri, Gabriele Magrini.
    Papà e figli sono uniti anche sul versante della solidarietà, come donatori di sangue.
    Flavio è diventato arbitro nel 1988. "La gara più emozionante - ricorda - nel 1999 allo stadio Liberati quando ho fatto l'assistente nell'amichevole di serie A Ternana-Lazio che diventò poi campione d'Italia. Nel 2014 ho partecipato al corso da osservatore arbitrale ed ora giro l'Umbria a visionare i giovani arbitri, ma non ho abbandonato il campo".
    Rossella ha arbitrato gare in prima categoria regionale e Juniores nazionali, poi qualche gara in Promozione come assistente. La gara più emozionante per lei la finale del campionato di eccellenza regionale femminile in terna con la collaborazione di due assistenti donne.
    Alessandro prima ha giocato a calcio, ora arbitra nei campionati giovanili ed ha fatto anche una gara in promozione come assistente.
    Dopo la bella emozione, lo scorso anno quando padre e figlia hanno arbitrato insieme nel "Torneo In Amicizia" di solidarietà in favore delle popolazioni alluvionate della Romagna, "il desiderio - conclude Flavio Benni - è quello di scendere in campo tutti e tre insieme nella stessa gara".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza