Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Comune Terni, dipendenti usino con attenzione i social

Comune Terni, dipendenti usino con attenzione i social

Bandecchi, giusto perché appena apro bocca mi arrivano avvisi

TERNI, 22 febbraio 2024, 12:16

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Nel municipio del sindaco tra i più social, Stefano Bandecchi, arriva l'invito ai dipendenti dell'ente a tenere su questi un comportamento misurato dal direttore generale Claudio Carbone che ha inviato loro una lettera. Lo riporta il Messaggero.
    "Direttive già esistenti da anni nell'ambito del Comune di Terni che ha ricordato a tutti come stanno le cose. E me ne rendo ben conto visto che ogni volta che apro bocca, interviene la magistratura e mi arrivano avvisi. Penso di essere il sindaco che in Italia colleziona più avvisi di garanzia per minchiate" il commento di Bandecchi con l'ANSA.
    Il direttore generale ha citato l'apposito regolamento del 2013, inserendo un "nuovo dovere" che impone al dipendente comunale di "astenersi dal rendere pubblici con qualsiasi mezzo (web, social network, blog e forum) commenti, informazioni, foto, video o audio che possano ledere l'immagine dell'organizzazione, la reputazione dei colleghi, così come la privacy o la dignità delle persone". Consapevole che i social ormai rappresentano una "grande opportunità per lo scambio di opinioni", Carbone - si legge sul Messaggero - sottolinea che "può capitare che vengano usati in maniera disinvolta e senza tenere conto delle possibili conseguenze derivanti dai contenuti riprodotti e dalle immagine condivise".
    La lettera è stata inviata per conoscenza anche al sindaco che comunque non è un dipendente comunale. "Al di là del fatto che i dipendenti comunali rispondono del proprio operato all'amministrazione comunale ed il sindaco risponde ai cittadini e fa politica, l'intento della lettera del direttore generale Carbone era quello di tutelare i dipendenti stessi" ha detto ancora Bandecchi. "Perché nel tempo, in Italia - ha aggiunto -, sono uscite sentenze sfavorevoli, anche a seguito dell'intervento della magistratura. E il direttore generale ha voluto solo ricordare, far presente che l'uso dei social da parte del dipendente comunale richiede attenzione, per evitare di finire in situazioni spiacevoli".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza