Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Umbria
  1. ANSA.it
  2. Umbria
  3. Nasce la Federazione Cimo-Fesmed Umbria

Nasce la Federazione Cimo-Fesmed Umbria

Si completa con le sigle sindacali Anpo-Ascoti e Cimop

(ANSA) - PERUGIA, 10 GIU - Nasce la Federazione Cimo-Fesmed Umbria che si completa con le sigle sindacali Anpo-Ascoti e Cimop. Cristina Cenci, già impegnata nel sindacato dei dirigenti medici Cimo Umbria e a livello nazionale, è stata eletta presidente regionale.
    Il rinnovo delle cariche in Cimo Umbria ha visto, invece, la conferma a segretario regionale di Marco Coccetta.
    Il tutto è avvenuto nella serata di giovedì, nel corso del Consiglio regionale di Cimo Umbria, alla presenza anche del presidente nazionale, Guido Quici.
    Cenci ha focalizzato il suo intervento sui fondi in arrivo per i medici di pronto soccorso. "Dopo anni di attesa - ha spiegato attraverso una nota di Cimo-Fesmed - sembrerebbe finalmente sbloccata la partita delle risorse per i medici che si occupano delle certificazioni Inail per infortuni sul lavoro e malattie professionali. Parliamo per il triennio 2019-2021, di circa un milione di euro già versato alla Regione Umbria che adesso potrà arrivare ai medici, grazie all'intesa della Conferenza Stato-Regioni dello scorso 25 maggio relativa alla suddivisione delle risorse tra medici dipendenti, ai quali spetta il 53% della quota, e medici di medicina generale". Ma viene anche sottolineato che "il mezzo milione di euro circa proveniente dall'Inail e destinato ai medici che lavorano in pronto soccorso e che si sono occupati delle certificazioni, tuttavia, non finirà direttamente nella busta paga di chi ne ha diritto".
    "Vigileremo con attenzione - ha annunciato Cenci - affinché le risorse vengano rapidamente trasferite alle Aziende e, quindi, ai colleghi che dal 2019 al 2021 hanno redatto certificati Inail senza percepire alcun compenso. Si tratta di un riconoscimento dovuto ai colleghi di pronto soccorso, costretti a turni massacranti e a lavorare in condizioni drammatiche a causa della carenza di medici. Speriamo che l'iter non si allunghi e complichi ulteriormente". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere


        Modifica consenso Cookie