Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Ricatto 'hot' a 62enne conosciuto su Fb, donna a processo

Ricatto 'hot' a 62enne conosciuto su Fb, donna a processo

L'uomo intimorito ha versato oltre 5.000 euro a 41enne

RAVENNA, 24 febbraio 2023, 11:02

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Era nato su Facebook il legame speciale con quella donna più giovane di lui di una ventina di anni la quale aveva iniziato a chiamarlo "amore". A un certo punto la confidenza era divenuta tale che lui aveva acconsentito a inviarle foto intime. Salvo poi, secondo l'accusa, essere ricattato e versare oltre 5 mila euro in cambio del segreto su quegli scatti che altrimenti sarebbero finiti nelle mani dei suoi familiari. Protagonista della vicenda approdata ieri mattina davanti al Tribunale di Ravenna, è un 62enne della città romagnola. Imputata per estorsione continuata, è una 41enne originaria di Sandrigo, nel Vicentino e residente a Trento.
    L'uomo, come riferito dai due quotidiani locali, ieri in aula ha raccontato quanto capitatogli nell'ambito di quel rapporto durato circa un anno. "Io le avevo mandato delle foto intime - ha ricordato - mentre lei mi aveva inviato qualche foto non intima su Whatsapp". Da lì sarebbe cominciato il ricatto a cui erano seguiti bonifici e ricariche sulla carta PostePay della donna. "Versavo - ha detto l'uomo - perché lei minacciava di diffondere le foto intime tra i miei conoscenti". Il ricatto sarebbe andato avanti per due settimane e per un totale di 5.537 euro fino al 13 dicembre 2019, giorno in cui l'uomo aveva deciso di confidarsi con la moglie, di fare denuncia ai Carabinieri e di cancellarsi da Facebook. Per la difesa invece quei soldi erano stati regalati e non erano il frutto di una estorsione. La sentenza è attesa per metà maggio.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza