Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Frutticoltura: in Trentino 14.000 stagionali impiegati

Frutticoltura: in Trentino 14.000 stagionali impiegati

Diminuzione dell'uso fitofarmaci di del 40% tra 2012 e 2021

TRENTO, 23 febbraio 2023, 12:06

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

In Trentino, ogni anno, ci sono circa 25.000 lavoratori stagionali impiegati in tutti i comparti dell'agricoltura. "Di questi, circa 13-14 mila sono quelli impiegati in frutticoltura", ha spiegato Alessandro Dalpiaz, direttore dell'Associazione produttori ortofrutticoli trentini (Apot), nella sede di Trentino marketing, in occasione della presentazione del bilancio di sostenibilità di Apot. "Il 60% dei lavoratori stagionali in agricoltura viene da fuori Italia, prevalentemente dalla Romania, un po' meno dalla Polonia", ha aggiunto Dalpiaz.
    Tra i "risultati ottenuti in questi anni", ha illustrato Dalpiaz, c'è la diminuzione dell'impiego di fitofarmaci, che sono passati "da 5,2 grammi per metro quadro nel 2012 a poco meno di 3 grammi per metro quadro nel 2021, con una diminuzione del 40%. Abbiamo avuto anche un'importante riduzione del rischio legato ai fitosanitari: l'Indicatore di rischio armonizzato adottato dall'Unione europea dal 2014 si è ridotto del 45%".
    Nel 2022 è proseguito anche il monitoraggio del livello di biodiversità dei terreni coltivati a frutteto, riport Apot, che hanno ricevuto un punteggio di 136,64 dell'indice Qualità biologica del suolo (Qbs), rispetto al massimo di 160. Per quanto riguarda l'apicoltura, ha detto Dalpiaz, "nell'arco di un ventennio, il numero di arnie è cresciuto di un 30-40%. Il numero di apicoltori tendenzialmente cresce, anche se negli ultimi due anni abbiamo avuto un calo".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza