Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Brasile: ex missionario trentino, schiaffo alle istituzioni

Brasile: ex missionario trentino, schiaffo alle istituzioni

"Situazione normale, c'è sospetto che possa succedere qualcosa"

TRENTO, 11 gennaio 2023, 15:26

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"È stata una sorpresa, per quanto annunciata. Le istituzioni però hanno dimostrato molta unità nell'affrontare la sfida del momento, e la situazione è tornata alla normalità, anche se c'è sempre il sospetto che possa succedere qualcosa". Così Luigi Zadra, ex missionario comboniano originario di Denno, in Trentino, da 48 anni in Brasile, spiega all'ANSA l'atmosfera che si respira nel Paese dopo l'assalto a Parlamento, governo e Corte suprema, avvenuto domenica sera a Brasilia.
    "Resta un danno morale, più che materiale. Quello che è successo domenica è stato uno schiaffo alle istituzioni. E il governo del distretto federale, che avrebbe dovuto agire, è stato un po' connivente", continua Zadra, che da 25 anni si trova nello Stato del Paraiba, dove lavora con i "quilombos", discendenti degli africani ridotti in schiavitù. "Loro - conclude - hanno votato in massa Lula, perché vedono in lui un segno di speranza".
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza