Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Caso Pedri:sorella,da legali difesa frasi decontestualizzate

Caso Pedri:sorella,da legali difesa frasi decontestualizzate

"A Trento l'hanno vista spegnersi a causa delle vessazioni"

TRENTO, 11 gennaio 2022, 12:06

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Gli avvocati della difesa hanno riportato frasi di Sara decontestualizzate, scritte da in un momento in cui viveva un disturbo post traumatico da stress, come diagnosticato da un medico di base una settimana prima che scomparisse. 'Sono un morto che cammina' è stata detta non a un collega, ma al compagno di vita, a cui solitamente non si mente, a causa dell'ambiente di lavoro tossico in cui si trovava". Lo sostiene Emanuela Pedri, sorella della ginecologa di Forlì scomparsa il 4 marzo del 2020 in Trentino, intervenuta in risposta a quanto rilevato dall'avvocato Salvatore Scuto, legale di Saverio Tateo, ex primario del reparto di ostetricia e ginecologia dell'ospedale di Trento, dove la professionista lavorava.
    "Certamente Sara era fragile, come lo siamo tutti, ed era abituata a lavorare lontano da casa, come dimostra il lungo periodo trascorso a Catanzaro, dove aveva trovato nella sua fragilità un equilibrio. Ci sono invece le testimonianze di persone che a Trento l'hanno vista spegnersi a causa dei maltrattamenti e delle vessazioni provenienti da due persone precise. E le imputazioni non arrivano dalla famiglia Pedri, che di quanto stava succedendo a Sara non ha saputo nulla fino all'ultimo momento, ma dall'azienda sanitaria e dalla commissione dei garanti, che ha ritenuto di dover licenziare il primario e trasferire la sua vice", ha aggiunto la sorella, evidenziando anche come "la risonanza mediatica del caso è legata all'interesse sociale di quanto emerso".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza