Covid: disfunzione cerebrale può essere causa affaticamento

Il risultato da uno studio altoatesino

(ANSA) - BOLZANO, 22 GEN - Un affaticamento persistente, a livello fisico e mentale, anche molto tempo dopo aver superato la fase acuta della malattia. È un problema che affligge molti pazienti che hanno contratto il Covid-19 e che, secondo uno studio effettuato dai medici del reparto di neuroriabilitazione dell'ospedale di Vipiteno, potrebbe essere causato da una disfunzione cerebrale del lobo frontale, probabilmente responsabile sia della compromissione delle funzioni cognitive, sia della fatica di tipo motorio.
    Lo studio, guidato da Paola Ortelli e Viviana Versace, insieme al noto neurologo Leopold Saltuari e al primario Luca Sebastianelli, ha analizzato un gruppo di pazienti ricoverati a seguito di varie complicazioni neurologiche (neuropatia, miopatia, encefalite) derivanti proprio dal virus. Per mezzo di test neuropsicologici mirati e di indagini che prevedono l'utilizzo della stimolazione magnetica transcranica (Tms) si è riusciti a identificare, per la prima volta, un profilo comune legato a questa disfunzione. I risultati di questo studio sono stati pubblicati su Journal of the Neurological Sciences.
    "L'idea è nata - spiega Saltuari -perché uno dei primi sintomi cardinali del Covid è la perdita dell'olfatto e quindi questo è spiegabile con il fatto che anche il sistema nervoso centrale viene compromesso. Dato che anche l'influenza spagnola aveva dato, tardivamente, sintomi neurologici, abbiamo pensato di verificare se i pazienti hanno in effetti una disfunzione di questo tipo".
    "C'è una prima indicazione sul fatto che la fatica, in modo particolare, è correlata ad una disfunzione specifica di un neurotrasmettitore della corteccia cerebrale", aggiunge il collega Luca Sebastianelli. "Con la stimolazione magnetica transcranica - spiega Viviana Versace - ho studiato la fatica motoria, quel senso patologico di essere esausti anche con un piccolo sforzo o senza". Paola Ortelli, alla guida del team, nel ricordare l'importanza della vaccinazione, aggiunge: "Abbiamo osservato che questo affaticamento va ad intaccare le nostre capacità cognitive. Non si tratta di una sensazione soggettiva: la fatica è dettata veramente da un esaurimento dell'organismo".
    (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Videonews Alto Adige-Südtirol

      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere

      Qualità Alto Adige




      Modifica consenso Cookie