Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Paul Smith torna a sfilare a Pitti Uomo

Paul Smith torna a sfilare a Pitti Uomo

L'11 giugno l'evento che celebra il tailoring maschile

FIRENZE, 02 aprile 2024, 13:25

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

Partecipò a Pitti Uomo nel 1993.
    Ora, più di 30 anni dopo, lo stilista britannico Paul Smith è pronto a tornare alla kermesse fiorentina per presentare la sua collezione uomo per la primavera/estate 2025. "Sarà una grande emozione aprire il prossimo Pitti Uomo martedì 11 giugno con il lancio della mia collezione uomo - racconta lo stilista -. Sono stato tra i primi stilisti invitati a Pitti, nel 1993, e l'ho sempre ritenuta una meravigliosa opportunità per dare risalto ad alcuni dei capi più belli di abbigliamento maschile al mondo, in maniera molto concreta".
    Sin dagli esordi nel 1970, Paul Smith è sempre stato sinonimo di tailoring: deciso a rilanciare l'abito sartoriale maschile, ha fatto parte di una nuova ondata di stilisti che adottavano un approccio scanzonato nei confronti dei rigidi dogmi dell'abbigliamento formale, creando uno stile d'avanguardia pur nel rispetto della tradizione. Quel che ha avuto inizio in una piccola boutique di 3x3 mq a Nottingham, nel 1970, è cresciuto fino a diventare una rete di 130 negozi in tutto il mondo, con sedi in oltre 60 paesi.
    "Paul Smith è un designer visionario, un creativo dalla curiosità senza fine, un inesauribile entusiasta, un gentleman dall'eleganza naturale, ambasciatore della creatività British, un amante della moda e un ciclista - ha detto l'ad di Pitti Raffaello Napoleone -. Siamo onorati che un'altra tappa di questa incredibile corsa avrà il suo arrivo a Firenze, al prossimo Pitti".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza