Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Morì giù da palazzo, aggredito il presunto omicida a Livorno

Morì giù da palazzo, aggredito il presunto omicida a Livorno

34enne era stato scarcerato e lo pestano. Ospedale lo dimette

LIVORNO, 02 aprile 2024, 20:50

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

Aggredito in una strada di Livorno il presunto omicida indagato per la morte di Denny Magina, 30enne che precipitò dal quarto piano di un palazzo frequentato anche da spacciatori il 22 agosto 2022. Secondo ricostruzioni, la mattina di Pasquetta un gruppo di persone lo avrebbe seguito e poi fermato in via Marradi per colpirlo mentre tornava via dall'aver firmato in una caserma.
    La vittima dell'aggressione è un 34enne tunisino, Hamed Hamza, che dopo l'arresto per omicidio preterintenzionale - e già in carcere per spaccio di stupefacenti -, era stato scarcerato la scorsa settimana dal gip per una questione giuridica che riguarda il calcolo dei termini di custodia cautelare in caso di connessione tra diversi reati, decisione su cui la procura di Livorno ha già presentato appello al tribunale del riesame di Firenze.
    Sull'aggressione al presunto omicida di Magina stanno cercando di far luce i carabinieri; ancora non è certo quanti siano gli aggressori, ma il pestaggio è stato interrotto solo dall'arrivo fortuito di un'ambulanza di passaggio. La presenza di un mezzo di soccorso ha finito per mettere in fuga gli aggressori.
    Il tunisino 34enne era stato a firmare negli uffici del comando dei carabinieri di viale Fabbricotti dove deve presentarsi quotidianamente su ordine del gip che gli ha imposto l'obbligo di dimora. Il tunisino è stato portato in ospedale con traumi al volto e all'addome, nel pomeriggio è poi stato dimesso dai medici.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza