Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Crollo Firenze, sit-in a Cagliari con fiori nei caschetti

Crollo Firenze, sit-in a Cagliari con fiori nei caschetti

In piazza Cgil e Uil, 'stop alle stragi nei cantieri'

CAGLIARI, 21 febbraio 2024, 11:53

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Stop alle stragi nei cantieri. Lo ha gridato anche Cagliari, insieme a tante altre città italiane, in una manifestazione in piazza Palazzo organizzata da Cgil e Uil in concomitanza con uno sciopero nazionale di due ore.
    "Siamo qui - ha detto Fausto Durante, segretario generale della Cgil sarda - per affermare una cultura della sicurezza c'è la necessità di ripristinare regole nei cantieri. Non è possibile che ogni giorno tre persone in Italia vadano al lavoro e non tornino a casa. Siamo in piazza per dire basta a questa strage".
    Un fiore su un caschetto di protezione: questa l'immagine simbolica scelta dagli organizzatori per rendere omaggio alle vittime di Firenze e chiedere che non ci siano più croci nei cantieri. "Quando una persona muore sul posto di lavoro non è una fatalità - ha detto Erika Collu, segretaria Fillea Cgil Sardegna - significa che non sono state rispettate le regole.
    Noi da tempo denunciamo l'assenza di risposte rispetto a un tema che deve diventare la priorità di questo paese. Quindi chiediamo un impegno serio una volta per tutte a tutti i soggetti coinvolti, dalle imprese alle istituzioni. Perché quando si parla di salute e sicurezza dei lavoratori non ci possono essere divisioni. La deregolamentazione introdotta dal codice degli appalti è una sciagura perché espone al rischio quotidiano tutti i lavoratori. Vanno estese le tutele del codice degli appalti anche al settore privato che oggi ne è escluso. Tutti uniti per dire basta alle morti sul lavoro".
    Anche la Sardegna piange le sue vittime: da tre anni aumentano gli incidenti mortali che, secondo l'Inail, nel 2023 hanno registrato 25 vittime, 18 sul posto di lavoro, gli altri in itinere, una in più rispetto all'anno precedente. Sempre nel 2023, sono aumentate del 7% le denunce di malattie professionali rispetto al 2022.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza