Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Traffico di hashish sui Tir dal Marocco all'Italia, 15 arresti

Traffico di hashish sui Tir dal Marocco all'Italia, 15 arresti

GdF contesta alla banda l'importazione di 13 quintali di droga

MILANO, 19 febbraio 2024, 13:18

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

I militari dello Scico della GdF, su richiesta della Dda di Brescia, hanno arrestato 15 persone con l'accusa di far parte di una associazione a delinquere per la produzione, la detenzione e il traffico illecito di stupefacenti, nello specifico hashish.
    L'ordinanza di custodia cautelare è stata eseguita nelle province di Bergamo, Brescia, Trento e Bolzano e a individuare la banda sono stati in particolare i militari del Nucleo di polizia economico-finanziaria della Guardia di Finanza di Pisa.
    L'accusa contestata ha l'aggravante della transnazionalità in quanto la droga era importata dal Marocco via Spagna con un traffico gestito in particolare dai componenti di una famiglia di nazionalità marocchina.
    Al gruppo viene contestata l'importazione di 13 quintali di hashish, arrivati In Italia su autoarticolati con targa spagnola e guidati da autisti compiacenti attraverso il valico di Ventimiglia (Imperia) con carichi di copertura, come alberi da frutto o batterie per auto. La droga finiva ai complici che avevano il compito di smistarla in diverse città italiane, tra cui Pisa. Oltre che da marocchini, l'organizzazione era composta da afgani, spagnoli, senegalesi e italiani. La base era in provincia di Bergamo, tra i comuni di Dalmine, Stezzano e Osio Sotto, in una cascina adibita alla produzione di formaggi e sorvegliata con attenzione dai componenti della banda.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza