Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Crollo Firenze: il pm, 'diverse criticità nel cantiere'

Crollo Firenze: il pm, 'diverse criticità nel cantiere'

Spiezia, 'prematuro capire dinamica. Identificazione difficile'

FIRENZE, 19 febbraio 2024, 14:29

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"É prematuro" poter dire qualcosa sulla "dinamica del crollo" che si è verificato nel cantiere del supermercato Esselunga in via Mariti a Firenze e nel quale sono morti cinque operai. Ma dopo un primo sopralluogo effettuato dagli investigatori e dagli inquirenti, "il dato molto empirico che ci siamo fatti è che vi fossero diverse criticità". É quanto ha detto il procuratore di Firenze Filippo Spiezia nell'incontro con i giornalisti, senza però spiegare quali siano state queste criticità riscontrate e confermando che nel cantiere lavoravano anche stranieri risultati "irregolari circa la loro posizione su territorio".
    Gli accertamenti su questo fronte, ha sottolineato il procuratore, "si sono limitati ad un dato di corrispondenza tra la posizione di queste persone e il rispetto delle norme sull'ingresso nel territorio nazionale". Quanto all'identificazione degli operai estratti dalle macerie, Spiezia ha affermato che "il problema è di abbinare i nomi ai corpi" poiché le vittime "sono state travolte da strutture imponenti per peso e cemento". É dunque iniziata una "complessa attività di identificazione su ciò che resta di questi poveri operai, con l'ausilio di esperti, che richiede competenze specifiche, anche di tipo genetico".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza