Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Crollo a Firenze, il pm: 'Diverse criticità nel cantiere'

Crollo a Firenze, il pm: 'Diverse criticità nel cantiere'

Proseguono le ricerche dell'ultimo disperso

FIRENZE, 20 febbraio 2024, 16:43

Redazione ANSA

ANSACheck

Crollo Firenze: striscione 'per profitto tutto giustificato ' - RIPRODUZIONE RISERVATA

Crollo Firenze: striscione  'per profitto tutto giustificato ' -     RIPRODUZIONE RISERVATA
Crollo Firenze: striscione 'per profitto tutto giustificato ' - RIPRODUZIONE RISERVATA

Un cantiere con "diverse criticità" quello di via Mariti a Firenze. Cioè con problemi che gli inquirenti di Firenze hanno constatato quasi a colpo d'occhio già nella prima ispezione dopo il crollo del 16 febbraio. Lo ha detto il procuratore capo di Firenze Filippo Spiezia proprio riferendo che "il dato molto empirico che ci siamo fatti da un primo sopralluogo è che vi fossero diverse criticità, che abbiamo constatato nel momento in cui ci siamo portati nel cantiere" per il nuovo supermercato dell'Esselunga.

Sulla dinamica del crollo nel cantiere di via Mariti "è prematuro dire qualcosa" ma "il dato molto empirico che ci siamo fatti da un primo sopralluogo è che vi fossero diverse criticità, che abbiamo constatato nel momento in cui ci siamo portati nel cantiere", ha detto Spiezia nell'incontro con i media senza voler aggiungere altro rispetto alle condizioni del cantiere.

"Risulta da prime verifiche compiute che per alcuni operai" stranieri "vi fosse una condizione di irregolarità circa la loro presenza sul territorio nazionale", "detto questo diverso è il discorso per quanto riguarda le posizioni contrattuali e quant'altro" oggetto di successivi accertamenti, ha evidenziato Spiezia in riferimento agli accertamenti che "si sono limitati a un dato di mera corrispondenza tra la posizione di queste persone e il rispetto delle norme sull'ingresso nel territorio nazionale".

Proseguono intanto le ricerche dell'ultimo disperso tra gli otto operai coinvolti nel crollo avvenuto venerdì scorso, alle 8:52, nel cantiere di via Mariti a Firenze.
Si tratta di Bouzekri Rachimi, 56 anni, marocchino. Quattro le vittime di cui sono stati recuperati i corpi tra venerdì e sabato, tre i feriti. 

Video Crollo a Firenze, le operazioni senza sosta dei vigili del fuoco

 

"Il problema è di abbinare i nomi ai corpi, quindi si è iniziata anche una complessa attività di identificazione su ciò che resta di questi poveri operai, che sono stati travolti da strutture imponenti per peso e cemento", ha detto ancora il procuratore Spiezia aggiungendo che l'identificazione legale dei cadaveri del cantiere di via Mariti "è stata avviata con l'ausilio di esperti e richiede competenze specifiche, anche di tipo genetico perché questi corpi sono davvero in condizioni drammatiche".

Al momento non ci sono indagati. Però il procuratore ha detto che gli uffici stanno per ricevere le prime relazioni dai vari organismi di polizia giudiziaria dopodiché potrebbero esserci le eventuali iscrizioni di garanzia. "Siamo in attesa di ricevere le prime comunicazioni formali", ha affermato Spiezia.

Tra le macerie del cantiere, dove è in corso di costruzione un supermercato Esselunga, stanno operando ininterrottamente i Vigili del fuoco che tra ieri e la notte scorsa hanno rimosso la trave che ha ceduto provocando il crollo a catena dei solai. Un intervento resosi necessario in quanto, da quanto appreso, la trave si muoveva. Una volta rimossa sono potute riprendere le ricerche del disperso. 

Video Crollo a Firenze, rimossa nella notte la trave che ha ceduto

 

Nel cantiere si è recata la giovane figlia di Mohamed Toukabri, 54 anni, tunisino, una delle vittime nel crollo. "Ora dobbiamo aspettare per il riconoscimento e poi lo porteremo in Tunisia - ha detto Rim Toukabri -. Sono la figlia, il fratello di mio padre è dentro e sappiamo solo che il corpo è all'ospedale, a medicina legale, ma non sappiamo niente di come è andata". 

Nardella: 'Ora risposte o ci sarà una sommossa della cittadinanza'

"Dobbiamo essere forti, presenti, incalzanti per cambiare quello che succede altrimenti alla prossima tragedia non ci sarà qualche sciopero, protesta: ci sarà la sommossa di una cittadinanza stufa, stanca di istituzioni inconcludenti, di una politica che non risponde. Sono sicuro che Firenze, per la sua importanza e forza, può richiamare tutte le forze politiche al governo e al parlamento per fare qualcosa subito, adesso. Se non lo faremo avremo la coscienza sporca e noi non la vogliamo". Lo ha dichiarato in Consiglio comunale il sindaco di Firenze Dario Nardella, a proposito del tragico incidente nel cantiere di via Mariti.

Nardella, per lunghi tratti visibilmente scosso, ha parlato di una "Firenze ancora ferita. Mi auguro che da qui si alzi un messaggio forte e incisivo per scuotere le istituzioni nazionali". Il sindaco ha ricordato i nomi degli operai morti e, ha aggiunto, "sarebbe bello che Palazzo Vecchio esponesse le immagini di queste persone per ricordare all'Italia e al mondo intero che quello che è successo non deve mai succedere perché troppo spesso, troppe volte, dopo le parole torna il silenzio. In attesa dell'ennesima nuova tragedia".

"Abbiamo dato assistenza a 11 familiari di alcune delle vittime e in più abbiamo dato assistenza con pernottamento a 2 familiari - ha chiarito il sindaco -. A tutti abbiamo garantito, da qui a quando necessario, ogni forma di supporto e assistenza". Sui tre operai che si trovano a Careggi "abbiamo avuto la possibilità di parlare con tutti e 3, la sensazione è che siano in via di miglioramento, anche da quello che ci stanno dicendo i medici".

Video Crollo a Firenze, proseguono senza sosta le ricerche dell'ultimo operaio disperso

 

La Asl: 'A gennaio verifica in cantiere, nessun rilievo'

"Questa è classificata come una grande opera perché ha un volume economico importante. In questi casi c'è un monitoraggio molto frequente, la nostra ultima verifica era stata condotta il 12 gennaio scorso e non aveva dato luogo a rilievi. Ce ne erano state altre precedenti perché c'è una sistematicità di controllo molto frequente". Lo ha detto Renzo Berti, direttore del dipartimento prevenzione dell'Asl Toscana Centro in merito si controlli al cantiere di via Mariti a Firenze dove giovedì scorso si è verificato il crollo che ha travolto 8 operai: quattro le vittime e ancora un disperso oltre a tre feriti. "In generale - ha aggiunto Berti - i subappalti sono uno strumento che consente di realizzare una maggiore efficienza delle attività e anche una maggiore rapidità di svolgimento. Non è detto che il subappalto in sé sia il male, può accadere che ci sia subappalti fatti con un criterio non adeguato. Ma su questo non abbiamo rilevato niente". Secondo quanto appreso la prossima verifica dell'Asl sarebbe stata in programma a marzo.

Landini: 'Con Bombardieri mercoledì a Firenze'

Mercoledì 21 febbraio "sarò a Firenze, insieme a Pierpaolo Bombardieri" per una manifestazione in occasione dello sciopero di due ore a livello nazionale proclamato da Cgil e Uil, con le categorie degli edili e dei metalmeccanici, in seguito al crollo nel cantiere del supermercato. Lo ha detto il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, a "L'aria che tira" su La7. "La manifestazione si concluderà proprio davanti al cantiere", ha aggiunto.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza