Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Mundial '82, amarcord striscione Pieve al Toppo a Madrid

Mundial '82, amarcord striscione Pieve al Toppo a Madrid

Tifosi gli fecero fare giro del mondo su sfondo di gol Altobelli

AREZZO, 10 luglio 2022, 19:03

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Quando rientrammo in Italia quello striscione lo avevano visto tutti e fu gioia nella gioia.
    Eravamo partiti da Arezzo su un camper con 'ciccia' (carne da mangiare, ndr), spumante e tanta emozione, ritornammo avendo fatto diventare il nostro striscione un cimelio della vittoria".
    Ricorda così uno dei protagonisti della storia dello striscione 'Supporters Pieve al Toppo', oggetto che nella storia è entrato per davvero perché inquadrato dagli obbiettivi di tv e macchine fotografiche benissimo durante la finale Italia - Germania dell'11 luglio 1982 al Santiago Bernabeu. Una delle immagini lo mostra sullo sfondo del gol di Altobelli. Era un lenzuolo di circa 20 metri che rese famosa la frazione alle porte di Arezzo rimanendo nell'iconografia mondiale del calcio. Lo striscione si è perduto nel tempo, chi lo mostrava allo stadio non ha più i 20 anni dell'epoca e qualcuno di loro purtroppo è deceduto. Ma il ricordo del manipolo di tifosi aretini andò in Spagna con quello stendardo vive sempre a Pieve al Toppo. I 'Supporters Pieve al Toppo' da ragazzi erano ultras dell'Arezzo, i loro nomi Lorenzo Sereni, Liviano Tani e Giuseppe Mencucci che, insieme all'ex giocatore dell'Arezzo Mauro Benvenuto e ad un quinto amico, erano andati in Spagna per vedere almeno una partita dell'Italia. A loro si aggiunsero Stefano Bichi, Angelo Frosini, Carlo Ricci, Claudio Guerrini e Dario Bonini. Tra loro Stefano Mencucci ricorda: "Eravamo giovani, fra i 24 e i 30 anni, partimmo in camper con lo striscione e con un bel rifornimento di carne visto che uno di noi era un macellaio, decidemmo di appenderlo sulla tribuna superiore del Bernabeu dove riuscimmo ad assistere alla finale". Il ricordo più bello? "Quel gol di Tardelli e la sua corsa - prosegue - pensavo di svenire. La festa fu incredibile anche perché lo striscione venne inquadrato e fato vedere più volte, lo avevano visto tutti, proprio tutti".
    Il ricordo, a distanza di 40 anni, non si è sbiadito. E nonostante l'età non sia più la stessa, i superstiti della spedizione di Pieve al Toppo non hanno dubbi: "Un'emozione così forte che vaccina per sempre. Sarebbe da rifare subito, se si potesse".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza