Toscana

Città Castello premia Rodrigo Bei, vinse due Palii di Siena

Comune umbro e quello toscano insieme nel nome dei cavalli

(ANSA) - CITTÀ DI CASTELLO (PERUGIA), 15 LUG - Città di Castello e Siena ancora di più unite nel nome dei cavalli. Nella sede del Comune umbro è stato infatti consegnato all'allevatore e imprenditore tifernate Rodrigo Bei un riconoscimento per ricordare le due vittorie nel Palio del 1998, con Re Artù, e nel 2000, con Urban secondo.
    Per l'occasione l'assessore allo Sport tifernate, Massimo Massetti, e quello al Turismo, Commercio e Giustizia paliesca del Comune di Siena, Alberto Tirelli, hanno sancito l'inizio di una collaborazione istituzionale fra realtà territoriali vicine.
    "L'amministrazione comunale a Rodrigo Bei per la passione e l'amore per i cavalli, le vittorie leggendarie al Palio di Siena e negli ippodromi nazionali ed internazionali" la motivazione impressa nella targa consegnata all'imprenditore.
    "Oggi è una giornata importante per la nostra città" ha sottolineato Massetti. "Oltre a rendere merito e giusto risalto all'allevatore e titolare di scuderia Rodrigo Bei - ha aggiunto -, che con le prestigiose vittorie al Palio di Siena ed in tanti altri ippodromi in Italia e all'estero ha promosso l'immagine della città, l'amore, la passione per i cavalli e le attività equestri la gradita e autorevole presenza dell'assessore Tirelli del Comune di Siena ci consentirà di rinsaldare vincoli di amicizia e rapporti istituzionali fra due città e territori legati da comuni interessi e passioni a partire dai cavalli, dall'allevamento di qualità e dalla bellezza ambientale, storica, culturale ed artistica".
    "Insieme faremo tanta strada - ha confermato Tirelli - nel valorizzare i nostri territori e creare altre iniziative sinergiche di promozione a tutto campo in vari settore dalla cultura, all'arte, all'ambiente alle eccellenze eno-gastronomiche".
    "Per un uomo di cavalli - ha ricordato infine Bei - vincere a Siena in piazza del Campo, vivere da dentro l'atmosfera della preparazione del cavallo, i riti plurisecolari delle contrade, gli attimi, i secondi che precedono il via del mossiere, gli attimi interminabili della corsa, la gente straordinaria di Siena, sono gioie indescrivibili, uniche e se poi coronate da una vittoria". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie