Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Stupro di gruppo, minorenne condannato a 8 anni e 8 mesi

Stupro di gruppo, minorenne condannato a 8 anni e 8 mesi

Processo per gli altri 7 imputati comincerà ad aprile

PALERMO, 05 marzo 2024, 12:11

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA

Il gup del tribunale per i minorenni ha condannato a otto anni e otto mesi l'unico minorenne che lo scorso 7 luglio ha preso parte allo stupro di gruppo di una diciannovenne a Palermo in un cantiere abbandonato del Foro Italico. Il processo si celebrava in abbreviato. Il pm aveva chiesto 8 anni. Per la violenza sono accusati anche i maggiorenni Angelo Flores, Cristian Barone, Gabriele Di Trapani, Christian Maronia, Samuele La Grassa, Elio Arnao che, in questo momento, sono tutti in carcere: pure loro hanno chiesto di essere giudicati con il rito abbreviato che inizierà ad aprile.
    Il minorenne era stato arrestato ad agosto: all'inizio era stato affidato a una comunità ma successivamente era stato nuovamente rinchiuso al Malaspina per avere pubblicato sui social commenti e video in cui quasi "rivendicava" gli abusi. A suo carico anche una chat in cui ammetteva con un amico che la diciannovenne non era consenziente.
    La vittima ha sempre ribadito di essere stata aggredita e di aver gridato "basta" chiedendo di smettere ai suoi aguzzini. Per gli avvocati, che rappresentano i sette imputati, una testimonianza raccolta nel corso delle indagini difensive dimostrerebbe, invece, che le cose si sarebbero svolte in modo differente rispetto a quanto denunciato.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza