Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Il diario di Salis dei primi giorni in carcere, 'tumulata viva'

Il diario di Salis dei primi giorni in carcere, 'tumulata viva'

'Un mostro sbattuto in prima pagina, le altre mi guardano male'

ROMA, 28 febbraio 2024, 20:01

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Una tigre in gabbia", "un mostro sbattuto in prima pagina", "tumulata viva" con lo sport come "unico passatempo perché purtroppo non ho neanche un libro", e "due parole" rivolte ogni tanto "al piccione che si posa sul davanzale al di fuori delle sbarre, allo sgabello o all'armadietto". Ilaria Salis, l'italiana arrestata a Budapest l'11 febbraio 2023, racconta le sue prime settimane di detenzione in un diario di cui Repubblica ha pubblicato qualche stralcio.
    "Gyorskocsi Utca. Cella 615. Primi di marzo 2023. Dalla bocca di lupo scorgo alcune guglie e immagino che si tratti di una cattedrale. In seguito scoprirò che in realtà è il Parlamento.
    Del resto ho trascorso qui a Budapest appena qualche manciata di ore prima di ritrovarmi in manette e della città non so praticamente nulla", racconta i primi tempi.
    "L'ora d'aria è l'unico momento durante la giornata in cui vedo altre detenute. Con alcune riesco a comunicare in qualche idioma più o meno noto. Le altre mi scrutano a distanza come se fossi una creatura strana. Forse per gli stivali bizzarri che indosso, forse perché i media locali mi hanno trasformato in un mostro sbattuto in prima pagina e mi precede una sinistra fama di 'flagello dei nazisti', o forse semplicemente perché sono straniera", continua Salis che aspetta "con impazienza i tanto desiderati contatti con le persone care in Italia".
    Il 9 marzo 2023 è il "ventiseiesimo giorno di prigionia".
    "Evviva! E.T. TELEFONO CASA", esclama Ilaria nel diario che finalmente riesce a sentire i suoi: "Parlare nella mia lingua, ascoltare voci affettuose e percepire la vicinanza delle persone scatena in me emozioni devastanti".
    Il 10 marzo 2023 le "dicono che il mio arresto sarà rinnovato". Poi riceve la notizia che i suoi contatti "sono vietati, bloccati per ordine della Procura Generale di Budapest capitale. TUTTI. In pratica non posso parlare neanche con mia madre". "Mi sento tumulata viva, segregata in un mondo alieno, in un baratro oscuro 'dove 'l sol tace' ".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza