Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Record di esportazioni nel 2023 per i sigari cubani, +31%

Record di esportazioni nel 2023 per i sigari cubani, +31%

Il dato è emerso al Festival dell'Habano in corso all'Avana

L'AVANA, 27 febbraio 2024, 10:19

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Il 2023 ha segnato un record di vendite per i sigari cubani all'estero, con un fatturato di 721 milioni di dollari, il 31% in più rispetto a quello del 2022. Il dato è emerso durante il 24/mo Festival dell'Habano, apertosi ieri all'Avana e considerato il più grande evento mondiale dedicato al fumo.
    Nel 2022, Habanos SA (la società mista che distribuisce e vende i famosi sigari cubani in tutto il mondo) aveva registrato un fatturato di 545 milioni di dollari, appena superiore a quello dell'anno precedente, avvenuto nel mezzo della pandemia.
    "Si tratta di una crescita impressionante", ha riconosciuto il co-presidente dell'azienda, Luis Sánchez-Harguindey, che ha attribuito il fenomeno alle strategie di rafforzamento dei loro marchi e a decine di lanci. Uno in particolare ha riguardato la marca Cohiba, destinato alla Cina in commemorazione dell'Anno del Coniglio.
    Pechino, anzi, si è consolidato come uno dei mercati più dinamici, ha spiegato il dirigente dell'azienda, che mantiene il monopolio sulla commercializzazione dei famosi sigari dell'isola come Montecristo, Romeo y Julieta, Hoyos de Monterrey o Partagás. Seguono Spagna, Svizzera, Germania e Regno Unito.
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza