Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Media Portogallo, premier Costa si è dimesso

Media Portogallo, premier Costa si è dimesso

3 fermi in inchiesta su investimenti verdi, incriminato ministro

LISBONA, 07 novembre 2023, 15:30

Redazione ANSA

ANSACheck

© ANSA/EPA

© ANSA/EPA
© ANSA/EPA

Secondo quanto anticipato dal canale televisivo Sic, il primo ministro portoghese António Costa avrebbe già presentato le sue dimissioni al Presidente della Repubblica. Costa è coinvolto nell'inchiesta della magistratura sugli investimenti "verdi" del suo governo.
    Il ministro delle Infrastrutture portoghese, João Galamba, è stato incriminato nell'ambito di un'inchiesta che stamani ha portato la polizia a perquisire due ministeri (Infrastrutture e Ambiente) e la stessa Presidenza del Consiglio. Secondo quando riportato dalla stampa portoghese, lo stesso premier, António Costa, sarebbe indagato, ma in un'inchiesta condotta stavolta dalla Corte Suprema.
    Per Galamba i reati di cui è sospettato dal Pubblico ministero sarebbero corruzione attiva e passiva, traffico d'influenza e abuso d'ufficio. Le indagini hanno come oggetto investimenti nell'ambito dello sfruttamento dell'idrogeno verde e della miniera di litio di Montalegre, nel nord del Paese.
    Al momento ci sarebbero in stato di fermo almeno tre figure molto vicine al premier: il capo di gabinetto Vítor Escária, l'imprenditore, consulente e amico personale del premier, Diogo Lacerda Machado, e il sindaco socialista della città portuale di Sines, Nuno Mascarenhas.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza