Ultima Ora

Mafia: estorsioni e droga, 99 arresti a Bari

Nell'inchiesta della Dda ci sono 147 indagati e 21 'pentiti'

(ANSA) - BARI, 26 APR - Capi e affiliati del clan Strisciuglio di Bari accusati di associazione mafiosa, reati di droga, armi, estorsioni, lesioni e rissa, in tutto 99 persone, sono stati arrestai in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare (96 in carcere e tre agli arresti domiciliari).
    L'indagine della Squadra mobile della Questura di Bari e dei Carabinieri del Comando provinciale, denominata 'Vortice Maestrale', è coordinata dai pm Lidia Giorgio e Marco D'Agostino in collaborazione con la Dna L'inchiesta ha ricostruito gerarchia e attività illecite del clan tra il 2015 e l'attualità per il controllo del territorio nei quartieri baresi Libertà, San Paolo, San Pio-Enziteto, Santo Spirito e San Girolamo e nei comuni di Palo del Colle e Conversano, documentando estorsioni a commercianti, riti di affiliazione, conflitti con altri gruppi criminali, minacce e pestaggi per punire sodali infedeli, cattivi pagatori o risolvere questioni sentimentali. A capo dell'organizzazione, secondo gli inquirenti, c'erano i pluripregiudicati Vito Valentino e Lorenzo Caldarola, oltre ai referenti nei vari rioni e città della provincia (Alessandro Ruta, Saverio Faccilongo, Giacomo Campanale). Tra gli arrestati, a 53 dei quali l'ordinanza è stata notificata in carcere, ci sono i figli del boss Caldarola, Francesco e Ivan, e Antonio Busco, ritenuto quest'ultimo uno dei fornitori di droga. L'ordinanza è firmata dal gip del Tribunale di Bari Giovanni Anglana. Nell'inchiesta che coinvolge complessivamente 147 indagati, sono contenute le dichiarazioni di 21 collaboratori di giustizia. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie