Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Pietrangeli, Sinner? I record sono fatti per essere battuti

Pietrangeli, Sinner? I record sono fatti per essere battuti

Ex campione, "lui è bravissimo e sono felice di quello che fa"

ROMA, 02 aprile 2024, 17:07

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

"I record sono fatti per esser battuti, quindi giusto così. Tempo fa mi hanno accusato di aver affermato che a Sinner servirebbero due vite per battere tutti i miei primati. Ecco, io non l'ho mai detto, volevo solo spiegare che è impossibile numericamente batterne uno, quello della Coppa Davis". Lo ha detto Nicola Pietrangeli, ospite di 'Un Giorno da Pecora', su Rai Radio 1.
    "Gli altri record certo che si possono battere - ha proseguito l'ex campione azzurro -, lui ha 22 anni, è bravissimo e sono molto contento per ciò che sta facendo, sarei stupido a pensarla diversamente. Certo, hai voglia ancora di superarli tutti, ci vuole tempo ma lui può farlo. Quando Jannik finirà la carriera poi si tireranno le somme".
    Rispondendo ad una domanda su un'affermazione di Adriano Panatta secondo cui 'Pietrangeli si faceva le classifiche da solo', l'ospite ha risposto: "Non so perché lo abbia detto, ma so che in Italia c'è una malattia che si chiama gelosia o invidia". Panatta è geloso di lei? "Io non l'ho detto. Ma vi domando: come avrei fatto a stilare la classifica da solo? E' una battuta fuori luogo e anche inaspettata. Quando chiamerete Panatta, richiamate anche me...".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza