Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

L'Inter vola verso lo scudetto, poker all'Atalanta e +12 CRONACA e FOTO

L'Inter vola verso lo scudetto, poker all'Atalanta e +12 CRONACA e FOTO

Nerazzurri devastanti contro la Dea. Finisce 4-0. Undici vittorie di fila nel 2024

MILANO, 28 febbraio 2024, 23:27

Redazione ANSA

ANSACheck
Inter-Atalanta - RIPRODUZIONE RISERVATA

L'Inter travolge l'Atalanta 4-0 CRONACA nel recupero a San Siro della 21esima giornata del campionato di Serie A

 

GOL

Al 71' INTER-Atalanta: 4-0. Inter che si porta ancora in avanti, timbro di Davide Frattesi! Dagli sviluppi del calcio piazzato, Sanchez pesca efficacemente Frattesi che conlcude in rete alle spalle di Carnesecchi. Poker servito dalla formazione casalinga, assist forntio da Sanchez.

Al 54' INTER-Atalanta: 3-0. Allunga ancora le distanze il Biscione, lo fa con Federico Dimarco! Carnesecchi ipnotizza Lautaro dal dischetto, respinge ma crea un rimpallo favorevole a Dimarco su cui l'esterno piomba con tempismo siglando il 3-0 con un forte mancino.

Al 45'+1 INTER-Atalanta: 2-0. Gol di Lautaro Martinez. Raddoppiano i Nerazzurri al minuto 46', firma del capitano Lautaro! Azione che parte dai piedi di Pavard, che giunto al limite dell'area avversaria scarica la sponda per il numero 10, poi controllo orientato e conclusione con il piede debole dall'elevato tasso tecnico: palla a fil di palo, non può nulla Carnesecchi. Assist servito da Pavard.

Al 26' INTER-Atalanta 1-0 Gol di Darmian. Filtrante rasoterra calibratissimo di Lautaro per Mkhitaryan,  Carnesecchi esce veementemente ma l'armeno tocca quanto basta il pallone, la sfera giunge poi dalle parti di Darmian che apre il piattone e porta in vantaggio i suoi. Nerazzurri in vantaggio, assist di Mkhitaryan.

 

Inter-Atalanta

RISULTATI

CLASSIFICA

Soccer: Serie A; Inter-Atalanta

L'Inter vola verso lo scudetto. Nemmeno l'Atalanta riesce a fermare la cavalcata degli uomini di Simone Inzaghi: a San Siro nel recupero della ventunesima giornata finisce con un netto 4-0, grazie alle reti di Darmian, Lautaro, Dimarco e Frattesi. Quattro gol per tre punti che permettono all'Inter di volare a +12 in classifica sulla Juventus, quando mancano dodici giornate alla fine: alla matematica certezza della seconda stella mancano 25 punti per i nerazzurri, ma probabilmente ne serviranno meno. Una macchina da guerra, quella creata da Inzaghi, e i numeri forse nemmeno bastano a descrivere come l'Inter stia ammazzando questo campionato. Undici vittoria di fila in avvio di 2024, quarta partita di fila con quattro gol segnati in Serie A (67 gol segnati in totale, primato tra i top tornei d'Europa) ma anche la diciassettesima in campionato senza incassare reti, con una differenza reti record di +55, oltre ad aver conquistato 69 punti in 26 giornate, mai così tanti nella storia interista dopo 26 turni.

Inter-Atalanta

 

Un dominio totale, con Lautaro (al gol numero 24 in campionato, continuando la corsa al record di Higuain e Immobile a quota 36) e compagni che ora iniziano ad intravedere all'orizzonte lo striscione del traguardo. E dire che i bergamaschi di Gasperini hanno fatto tremare e non poco l'Inter, soprattutto in avvio. Perché alla prima occasione l'Atalanta ha colpito, sfruttando una indecisione di Pavard e Asllani grazie a un mancino di De Ketelaere che ha risolto una mischia in area dopo un contatto tra Bastoni e Miranchuk. A frenare la gioia della squadra di Gasperini è stato però il Var, che ha annullato il vantaggio ospite per un tocco di mano dello stesso Miranchuk tra le proteste della panchina. L'Inter fatica a trovare le solite combinazioni, soprattutto per merito del forte pressing bergamasco a tutto campo. Per scombinare così l'idea tattica di Gasperini, i giocatori di Inzaghi iniziano a scambiarsi posizione e non a caso Bastoni per due volte si traveste da rifinitore, prima per Barella (che insacca ma partendo da posizione irregolare) e poi per Lautaro, che calcia alto col destro. I nerazzurri trovano spazi e fiducia, alzando la pressione e i giri del motore.

Inter-Atalanta

 

E infatti arriva il gol del vantaggio: Lautaro trova l'imbucata per Mkhtaryan, Carnesecchi salva in uscita ma lascia il pallone perché al limite dell'area e ne approfitta Darmian, che appoggia a porta vuota. Lo stesso Darmian spreca subito dopo la palla del raddoppio, poi Lautaro centra una traversa ma sul finire del primo tempo trova il 2-0 con un mancino secco dal limite. L'episodio che chiude gara arriva a inizio ripresa, quando su un corner di Asllani la palla sembra uscire sul fondo, Dumfries però prosegue e sul suo nuovo cross Hateboer tocca la palla col braccio. Serve una lunghissima revisione (quasi sei minuti) per concedere il calcio di rigore all'Inter: dal dischetto Carnesecchi ipnotizza Lautaro, ma sulla respinta Dimarco insacca il 3-0. Il gol a freddo spegne definitivamente l'Atalanta e il resto della partita si trasforma in poco più di un allenamento per la squadra di Inzaghi, con la ciliegina del gol di testa di Frattesi (che si infortuna al momento della rete, contrattura all'adduttore destro da valutare) per il definitivo 4-0. Il finale corre via tra gli olè dei 71mila di San Siro, che al termine dell'incontro festeggiano al coro di "la capolista se ne va": la seconda stella è sempre più vicina.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza