Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Champions: Inter-Atletico 1-0

Champions: Inter-Atletico 1-0

Thuram ko per contrattura muscolare. La gara di ritorno si svolgerà a Madrid il 13 marzo

MILANO, 20 febbraio 2024, 23:33

Redazione ANSA

ANSACheck

Soccer; Champions League: Fc Inter vs Atletico De Madrid - RIPRODUZIONE RISERVATA

Soccer; Champions League: Fc Inter vs Atletico De Madrid -     RIPRODUZIONE RISERVATA
Soccer; Champions League: Fc Inter vs Atletico De Madrid - RIPRODUZIONE RISERVATA

Inter batte Atletico Madrid 1-0 CRONACA nell'andata degli ottavi di finale di Champions League.

Il primo round dice Inter, nel segno di Marko Arnautovic. I nerazzurri battono l'Atletico Madrid nell'andata degli ottavi di finale di Champions League grazie ad una rete dell'austriaco nella ripresa, in una gara spigolosa in cui tra l'altro Simone Inzaghi perde anche Marcus Thuram per un problema muscolare. Una partita intensa e combattuta, ma che lascia ben sperare in vista del ritorno fissato al Wanda Metropolitano il prossimo 13 marzo, non solo per il risultato (seppur di misura) ma anche per la prestazione positiva di Lautaro e compagni. L'Inter in avvio parte convinta sulla spinta dei 73mila del Meazza, ma l'Atletico fin dall'inizio dimostra di non volere solo limitarsi a difendere.



Non a caso, dopo uno stop mancato di Thuram in area, dall'altra parte Lino calcia a lato col destro in area. I nerazzurri chiedono un calcio di rigore per un tocco di mano in area di Molina ma sia l'arbitro che il Var lasciano correre. Il problema degli uomini di Inzaghi è la poca lucidità, causata anche dalla grande pressione dei colchoneros che inducono Calhanoglu e compagni a una serie di errori banali. Soprattutto sulla trequarti offensiva, con tanti palloni sprecati malamente tra passaggi e stop sbagliati. Quando tutto fila liscio, però l'Inter si riesce a rendere pericolosa. Il primo squillo è un colpo di testa di Lautaro che Oblak para senza difficoltà. La migliore occasione capita ancora allo stesso argentino: Thuram recupera palla, lancia il capitano che da solo davanti a Oblak calcia male e viene rimontato. Nel finale di tempo tutto San Siro trema, ma non di gioia, perché Thuram si ferma per un problema muscolare.

Il francese poi rientra in campo ma esce all'intervallo per una "contrattura all'adduttore destro da valutare nei prossimi giorni", un infortunio che rischia di pesare molto anche per le prossime gare. Al suo posto entra Arnautovic, che diventa protagonista nel male e nel bene. Nel male perché spreca tutto il possibile, in un misto tra sfortuna ed errori banali che fanno mugugnare e non poco tutto San Siro. E così la spinta del Meazza un pochino si affievolisce, anche perché Simeone si gioca la carta Morata, fischiatissimo da tutti i 73mila presenti per i suoi trascorsi juventini.

Un ingresso che galvanizza gli ospiti, che non a caso creano la migliore occasione: Lino dopo uno scambio con De Paul si presenta da solo davanti a Sommer ma calcia fuori. Lo stesso De Paul lancia poi Llorente, ma De Vrij all'ultimo riesce a salvare tutto in scivolata. Nel momento in cui l'Atletico prende coraggio, l'Inter con personalità e con il gioco la fa tremare di nuovo, spedendola trenta metri indietro: Lautaro manda in porta Arnautovic, che a tu per tu con Oblak a cinque metri dalla porta calcia incredibilmente alto. E ancora l'austriaco poi chiude troppo leggero su un cross basso di Dumfries.

San Siro torna a bollire, Lautaro di testa impegna di nuovo Oblak. Gli spagnoli vanno in affanno e l'Inter stavolta ne approfitta: Reinildo e De Paul perdono ingenuamente palla, Lautaro si invola ma trova ancora Oblak sulla sua strada, a porta vuota però Arnautovic non sbaglia e porta avanti i nerazzurri. L'Atletico però non ci sta, anzi reagisce subito di carattere, prima con Lino che di destro sfiora il pareggio dal limite, poi con un colpo di testa di Morata di poco a lato. È l'ultimo brivido per Sommer, il primo round verso i quarti è interista.

Le formazioni

L'Atletico Madrid si schiera in campo con il 3-5-2: Oblak; Gimenez, Witsel, Hermoso; Molina, De Paul, Koke, Saul, Lino; Llorente, Griezmann. A disposizione: Moldovan, Antonio Gomis, Gabriel, Depay, Correa, Savic, Riquelme, Vermeeren, Morata, Reinildo, Barrios.

L'Inter si schiera in campo con il 3-5-2: Sommer; Pavard, De Vrij, Bastoni; Darmian, Barella, Calhanoglu, Mkhitaryan, Dimarco; Thuram, Lautaro Martinez. A disposizione: Di Gennaro, Audero, Dumfries, Arnautovic, Klaassen, Frattesi, Buchanan, Asllani, Carlos Augusto, Bisseck, Stankovic, Sanchez.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza