Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Calcio: De Laurentiis, bene l'idea di una Premier italiana

Calcio: De Laurentiis, bene l'idea di una Premier italiana

"Serie a A a 18 squadre? Bisogna capire quali squadre ci sono"

NAPOLI, 07 febbraio 2024, 12:41

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Sono assolutamente d'accordo nel fare la Premier italiana, seguendo il modello che vediamo in Inghilterra". Lo ha detto il presidente del Napoli Aurelio De Laurentis commentando le parole del presidente della Lega calcio Lorenzo Casini su una indipendenza della Lega dalla Figc seguendo il modello della Premier britannica.
    "Io dico di perseguire idee del genere da almeno dieci anni - ha detto De Laurentiis - deve esserci una volta in cui si crea qualcosa in Europa e deve durare sine die. L'Inghilterra è l'unico campionato in cui si gioca il calcio che viene visto in tutto il mondo, è l'unico Paese che permette a bimbi e famiglie di andare felici agli stadi, mentre qui da noi non ne vogliono sapere di cambiamenti negli accessi agli stadi, perché i tifosi servono ai politici e quindi gli stadi non sono più terra franca". De Laurentiis però sottolinea che la Lega serie A "purtroppo è inesistente - ha detto - non siamo strutturati come una associazione di imprese, non siamo la vera Confindustria del calcio. A volte nelle riunioni sento squadre che vorrebbero la A a 18 squadre: a loro rispondo, per me vanno bene 20 o 16 squadre ma bisogna capire quali squadre ci sono, perché la classifica è divisa sempre in due parti, da una parte chi lotta per andare in Europa e dall'altra chi lotta per non retrocedere".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza