Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Fumata nera sui diritti tv, la Serie A continua le trattative

Fumata nera sui diritti tv, la Serie A continua le trattative

Casini: 'È un momento decisivo: assegnazione o canale Lega'

MILANO, 04 luglio 2023, 07:58

Redazione ANSA

ANSACheck

Una telecamera all 'interno di uno stadio - RIPRODUZIONE RISERVATA

Una telecamera all 'interno di uno stadio - RIPRODUZIONE RISERVATA
Una telecamera all 'interno di uno stadio - RIPRODUZIONE RISERVATA

Niente da fare, tutto nuovamente rinviato per i diritti tv della Serie A per trasmettere il campionato dal 2024 in avanti. L'assemblea dei club infatti ha deciso di non approvare le offerte arrivate da DAZN, Mediaset (per le partite in chiaro) e Sky e proseguire con una nuova fase di trattative private con le tre emittenti rimaste in corsa. Ancora non sono state svelate le cifre delle proposte arrivate in Lega, rimaste segrete visto che nel corso dell'assemblea non sono state rese note né alcun presidente ne ha fatto richiesta: la motivazione risiederebbe nella volontà di non interferire con le trattative private rendendo pubbliche le cifre delle dirette concorrenti. Ora la Lega avrà un mese di tempo per intavolare una nuova fase di trattativa, in una data che va ancora trovata nel calendario visti gli impegni di dirigenti e presidenti coinvolti. L'obiettivo è quello di avvicinarsi al target fissato prima dell'asta, ovverosia non andare troppo lontani dai 927,5 milioni annui che la Serie A incassa oggi da DAZN e Sky, considerando anche le condizioni del mercato televisivo in Italia.

Per raggiungerlo, la Lega andrà ulteriormente a ritoccare i pacchetti (già scesi da otto a cinque) modificandoli anche in base alle richieste delle emittenti, andando quindi incontro alle necessità con la speranza le offerte possano ulteriormente alzarsi. La data da cerchiare ora sul calendario è quella del 2 agosto, entro cui la Lega dovrà decidere se assegnare i diritti oppure procedere con l'apertura delle buste contenenti le offerte arrivate da sei soggetti per la realizzazione del Canale di Lega.

La prossima assemblea è in realtà convocata per il 14 luglio, ma non è detto che si riesca a concludere già entro quella data la fase di trattative private. "L'assemblea, alla luce di quanto riportato dall'ad De Siervo, ha deliberato di concedere una proroga alle trattative private (con Dazn, Mediaset e Sky, ndr) per i diritti tv, che proseguiranno quindi nelle prossime settimane. Siamo arrivati al momento decisivo, all'esito di queste trattative o ci sarà assegnazione o si apriranno manifestazioni di interesse per il canale di Lega", ha spiegato il presidente della Lega Serie A Lorenzo Casini, intervenuto al termine dell'odierna assemblea di Lega. "Nei giorni scorsi avevamo ipotizzato che il lavoro fatto finora potesse arrivare a una conclusione ma è emerso che è un lavoro molto intenso che si portando avanti e quindi c'era bisogno di ulteriore tempo. Non c'è stato nulla che non è andato, siamo nel pieno delle trattative. Le buste con le offerte sono state aperte ma non è stato comunicato l'importo, non è stato considerato un importo definitivo visto che ci sono ancora delle trattative", ha aggiunto Casini. Che poi non ha chiuso all'ipotesi del Canale di Lega: "È una alternativa reale, anche perché già oggi la Lega Serie A produce molti contenuti".

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza