Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Vialli: Juventus "addio a leggenda, con lui amore a prima vista"

Vialli: Juventus "addio a leggenda, con lui amore a prima vista"

L'omaggio del club bianconero: "Se ne va pezzo nostra storia"

TORINO, 06 gennaio 2023, 13:18

Redazione ANSA

ANSACheck

"Che tristezza infinita, Gianluca: Oggi, 6 gennaio 2023, arriva la notizia che speravamo di non ricevere mai. Ci lascia un campione, anzi, una leggenda, un grande uomo, un pezzo di noi e della nostra storia". Comincia così il lungo messaggio di cordoglio della Juventus per Vialli.
    "Siamo stati con te da sempre, Gianluca: da quando arrivasti nel 1992 e fu amore a prima vista, eri uno dei primi tasselli di una Juve che sarebbe tornata, proprio con te, in cima all'Europa - continua il club nella nota ufficiale - e di te abbiamo amato tutto, ma proprio tutto: il tuo sorriso, il tuo essere contemporaneamente campione e leader, in campo e in spogliatoio, il tuo essere adorabilmente guascone, la tua cultura, la tua classe, che dimostrasti fino all'ultimo giorno in bianconero".
    Con la maglia della Juve ha scritto pagine indelebili: "I nostri momenti più belli di quegli anni portano inevitabilmente a qualcosa che ti racconta - la rassegna dei gol più pesanti - quell'esultanza, alla rimonta completata contro la Fiorentina nel 1994, quando tutto lo stadio era avvolto da un boato e tu no, prendesti la palla e dicesti "andiamola a vincere". E sappiamo come andò a finire. Quella Coppa, che alzasti al cielo in una notte tiepida di Roma, intervallando con quell'attimo infinito un pianto dirotto che iniziò al momento del rigore decisivo. E quel pianto era il nostro: dolcissimo, inarrestabile". Ora il club si unisce nelle lacrime per la sua scomparsa: "E poi negli ultimi anni, combattendo con te l'ultima battaglia, commuovendoci con te quando, in forma eccellente, alzavi la Coppa dell'Europeo, guarda caso a Londra, nel 2021 - conclude il club - e anche allora, quella Coppa la alzavamo insieme, dopo tanto tempo. Sempre con te abbiamo sofferto, vissuto l'ansia di queste ultime settimane. E di nuovo, alla fine, ci è toccato piangere, ma questa volta non di gioia".
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza