Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Conference League: 1-1 con il Vitesse, la Roma ai quarti

Conference League: 1-1 con il Vitesse, la Roma ai quarti

All'andata la squadra di Mourinho si era imposta per 1-0. Gol di Abraham al 90' regala qualificazione contro Vitesse

ROMA, 18 marzo 2022, 08:46

Redazione ANSA

ANSACheck

La Roma si è qualificata per i quarti di finale della Conference League pareggiando all'Olimpico 1-1 con gli olandesi del Vitesse. All'andata la squadra di Mourinho si era imposta per 1-0.

Ancora un gol quasi a fine partita, nello specifico al 90', e la Roma fa come a Udine, ovvero risolve una situazione complicata. In questo caso il colpo di testa vincente di Abraham su cross di Karsdorp regala ai giallorossi l'1-1 con il Vitesse e scaccia le streghe dall'Olimpico regalando la qualificazione ai quarti di finale della Conference League. Che sarà pure una Coppa meno importante delle altre ma è pur sempre un trofeo da inseguire, al quale Mourinho dà l'impressione di tenere. Tutto ciò al termine di una partita giocata al piccolo trotto e con poche idee, forse perché la testa di capitan Pellegrini (oggi uno dei peggiori dei suoi) e compagni era già al derby di domenica con la Lazio, ma che a un certo punto si era messa male perché poco dopo l'ora di gioco gli olandesi avevano trovato il vantaggio con un bellissimo tiro al volo di sinistro di Wittek su cui Rui Patricio nulla aveva potuto, facendo scendere il gelo sull'Olimpico. Oltretutto fino a quel momento la partita l'aveva fatta il Vitesse e la Roma, oltre a trotterellare per il campo, era apparsa priva di mordente, e anche di idee a centrocampo, pur non avendo corso pericoli. Per fortuna di Mou al 90' Abraham, capocannoniere della Conference, ha risolto la situazione ed evitato che la Magica disputasse i tempi supplementari, regalando, almeno in teoria, un ulteriore vantaggio alla Lazio (da tempo fuori dall'Europa) in vista della stracittadina. 

Il primo tempo era finito senza reti e con pochissime emozioni, con il Vitesse, aggressivo e pronto a ripartire (ma a ritmi troppo bassi per incidere davvero), che aveva avuto la prima, e unica, occasione con una punizione da 35 metri che Grbic calciava con effetto per cercare di sorprendere Rui Patricio, bravo a deviare in corner. Poi c'erano state un paio di conclusioni, di Smalling e Abraham di testa e di Zaniolo con il destro, che non avevano inquadrato la porta di Houwen. Successivamente c'era stato un tentativo di Vina. La noia di questa partita era stata interrotta nella ripresa dallo splendido gol di Wittek, che calciava al volo d'esterno mancino battendo Rui Patricio. La Roma cercava di reagire ma era povera di gioco nonostante la girandola di cambi del suo allenatore. L'incubo veniva scacciato soltanto al 90' con la rete di Abraham, la 21/a della sua prima stagione in giallorosso (eguagliati Batistuta e Montella), che interveniva sull'assist di Karsdorp a sua volta servito da El Shaarawy con un cross proveniente dalla parte opposta. E tanto bastava alla Roma per qualificarsi, ma dal punto di vista del gioco ancora non ci siamo e può soddisfare soltanto il fatto di aver centrato la qualificazione.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza