Insulti razzisti a 3 del Liverpool; club 'è abominevole'

Manè, Alexander-Arnold e Keita nel mirino odiatori sui social

(ANSA) - ROMA, 07 APR - Ancora insulti razzisti sui social all'indomani di una partita. E' successo nei confronti dei giocatori del Liverpool Trent Alexander-Arnold, Naby Keita e Sadio Mané dopo la sconfitta di ieri in Champions contro il Real Madrid. Il primo ha ricevuto emoticon con l'immagine di una scimmia in risposta a un suo post su Instagram, mentre insulti simili e frasi con riferimento al colotre della pelle sono stati scritti a Mané e Keita.
    Il Liverpool ha così deciso di prendere posizione, e lo ha fatto con un comunicato in cui sottolinea che "ancora una volta stiamo discutendo, ed è triste, dell'abominevole usanza degli insulti razzisti all'indomani di una partita di calcio. E' una cosa assolutamente inaccettabile, e deve cessare". "Il Liverpool condanna tutte le forme di discriminazione - continua la nota - e seguiteremo a lavorare per l'inclusione con i nostri partner tramite l'iniziativa 'Red Together'".
    Di recente i vertici del calcio inglese hanno chiesto ai vari social di prendere posizione contro gli abusi razzisti e i messaggi di odio sulla rete nei confronti dei calciatori, fenomeno in crescita allarmante. Instagram ha replicato garantendo che prenderà provvedimenti, lo stesso ha fatto Twitter. Intanto il Liverpool è al lavoro con le forze dell'ordine per identificare gli autori degli insulti razzisti ai tre calciatori della squadra di Jurgen Klopp. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie