Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Atletica: Euroindoor; lacrime Ceccarelli sul podio "è un sogno"

Atletica: Euroindoor; lacrime Ceccarelli sul podio "è un sogno"

Jacobs: "fa male non aver vinto, ma vittoria Samuele è meritata"

ROMA, 05 marzo 2023, 12:18

Redazione ANSA

ANSACheck

© ANSA/EPA

© ANSA/EPA
© ANSA/EPA

La commozione, sul podio degli Euroindoor, con l'oro dei 60 al collo, è vera, autentica.
    "Almeno una lacrima doveva scendere, perché questa vittoria vuol dire davvero tanto. Non ce l'ho fatta a resistere, è stato più forte di me. È il sogno di chi fa sport, cantare l'inno sul gradino più alto, non potevo non emozionarmi in un momento del genere". Samuele Ceccarelli, il giorno dopo a Istanbul, è un fiume in piena: "Condividere il podio con il campione olimpico è un po' strano. È una sensazione nuova, in un'unica trasferta ho portato via tutto quello che potevo. È anche merito del mio coach, non sono sempre facile da gestire negli allenamenti. È da quando ho iniziato a fare atletica che sogno di poter essere su un palcoscenico come questo. È la medaglia più bella che posso appendere in camera".
    Sul podio è proprio con Marcell Jacobs, il campione uscente, stavolta d'argento: "Caro Samu, è la tua medaglia più bella...
    per ora", l'incoraggiamento del 'capitano', esempio di fair play. "Te lo sei meritato, devi renderti conto di quello che hai fatto, essere consapevole di quanto puoi correre forte e trasformarlo nelle gare all'aperto. Sarà un anno importante, con i Mondiali, e la staffetta ha bisogno. Sono un grande agonista, fa male non aver vinto, ma allo stesso tempo riconosco quando qualcuno è più bravo di me. Per me è benzina su un fuoco che si sta per accendere. Il suo oro fa capire quanto stia crescendo il movimento: il campionato italiano sarà veramente intenso, ora aspettiamo il ritorno di tanti altri, Tortu, Ali, Patta, sarà quasi come i Trials americani. Io ho ancora fame? Di più, sono ancora all'antipasto".
    Emozionata anche Dariya Derkach, sul podio del triplo: "Finalmente", il titolo della sua avventura in Turchia.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza