Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Mondiali cross: la etiope Gidey crolla sul traguardo, oro Chebet

Mondiali cross: la etiope Gidey crolla sul traguardo, oro Chebet

Collassa a 20 metri da arrivo, la superano in tre

ROMA, 18 febbraio 2023, 11:35

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Una vicenda che ha ricordato quella del maratoneta italiano Dorando Pietri all'Olimpiade di Londra 1908. La favorita della gara femminile dei Mondiali di cross a Bathurst (Australia), l'etiope Letesenbet Gidey (detentrice del record mondiale di 5.000, 10.000 e mezza maratona), era in testa, e in procinto di vincere, ma è crollata, collassando per la fatica, a una ventina di metri dal traguardo. Così, mentre cercava di rialzarsi, ha visto sfilarle davanti le atlete che la seguivano, e a conquistare l'oro e il titolo mondiale è stata la 22enne keniana Beatrice Chebet, con 33'48" sui 10 km.
    Dietro a lei si sono piazzate l'etiope Tsigie Gebreselama (argento) e l'altra keniana, Agnes Jebet Ngetich (bronzo). Gidey ha tagliato il traguardo in quarta posizione, sorretta da un volontario ma proprio per questo è stata poi squalificata. La gara femminile è stata monopolizzata dall'Africa: si sono piazzate nella top 10 cinque keniane, tre etiopi e due ugandesi.
    La prima non africana è stata la giapponese Nozomi Tanaka, 14/a.
    Trionfo dell'Africa anche nella gara maschile, in cui si è imposto l'ugandese Jacob Kiplimo (22), bronzo olimpico nei 10.000, davanti all'etiope Berihu Aregawi e a un altro ugandese, il campione olimpico nei 5.000 a Tokyo 2020, Joshua Cheptegei.
    Il Kenya ha dominato la staffetta a squadre miste davanti a Etiopia e Australia.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza