Judo: Iran, sospensione gare è ingiusta

Federazione di Teheran: 'scelta precipitosa'

(ANSA) - ISTANBUL, 19 SET - L'Iran ritiene "precipitosa e ingiusta" la decisione della Federazione internazionale di judo (Ijf) di sospenderlo da ogni competizione internazionale a causa della sua politica di boicottaggio nei confronti di atleti israeliani. Lo ha detto il presidente della Federazione iraniana di Judo, Arash Miresmaeili, citato dall'Irna. La decisione era stata annunciata ieri, in base a quanto accaduto durante gli ultimi campionati mondiali di Tokyo, dove al judoka Saeid Mollaei sarebbe stato ordinato dalle autorità della Repubblica islamica di ritirarsi per non dover affrontare nella categoria 81 kg l'israeliano Sagi Muki. L'episodio era stato denunciato dallo stesso atleta iraniano, che ha poi chiesto asilo politico in Germania. Teheran aveva invece negato ogni accusa, parlando di provocazioni.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA