Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Fagioli e l'incubo ludopatia, 'Non iniziate mai'

Fagioli e l'incubo ludopatia, 'Non iniziate mai'

"Forse ho capito troppo tardi che era una malattia"

TORINO, 24 febbraio 2024, 12:32

Redazione ANSA

ANSACheck

Nicolo ' Fagioli - RIPRODUZIONE RISERVATA

Nicolo ' Fagioli -     RIPRODUZIONE RISERVATA
Nicolo ' Fagioli - RIPRODUZIONE RISERVATA

- "Ho iniziato a giocare online, e scommettere, per noia: giocavo dalle due del pomeriggio alla sera, non avevo nulla da fare. Ho cominciato in questo modo, poi è diventato una malattia vera". A riportare le parole di Nicolò Fagioli, lo juventino di 23 anni che sta scontando la squalifica per il caso calcioscommesse, sono i quotidiani Corriere della Sera e La Stampa, che raccontano di un'uscita pubblica del calciatore a Condove (Torino), dove in un piccolo cinema ha parlato di fronte a decine di ragazzini delle società sportive della zona, di calcio, basket, pallavolo, nell'ambito del suo percorso riabilitativo.
    "All'inizio non pensavo di andare incontro a conseguenze penali e alle squalifiche - spiega - poi me ne sono reso conto.
    Ma quando giocavo quella paura spariva, l'adrenalina dell'azzardo si portava via tutto. È partito tutto con una semplice schedina, a 16 anni con gli amici: lo facevamo una volta a settimana. Poi perdi soldi e lo nascondi ai genitori. E diventa una malattia. Sto giocando spesso, oppure il padel.
    Faccio sport, sto con gli amici e la famiglia, molto più di prima. E questo mi aiuta".
    "Spero di tornare il 25 maggio, con il Monza" il suo desiderio da calciatore bianconero. Ai ragazzi ha raccomandato: "Ero arrivato a giocare 12 ore al giorno, sempre con il telefonino in mano, non consideravo i famigliari e la mia ragazza. Ero diverso. Forse ho capito troppo tardi che era una malattia, ma voi non iniziate nemmeno a giocare e coltivate i vostri sogni". 
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza