Atalanta-Juventus 1-2, la Coppa Italia va ai bianconeri

In gol Kulusevski e Chiesa per la squadra di Pirlo, per i bergamaschi Malinovsky

La Juventus ha vinto la Coppa Italia 2021. Nella finale di Reggio Emilia ha battuto l'Atalanta 2-1 (1-1).

I gol nel primo tempo al 31' di Kulusevski, al 41' di Malinovskiy, nel secondo tempo al 28' di Chiesa

L'albo d'oro della Coppa Italia: in vetta c'e' sempre la Juventus che con il trionfo di questa sera al Mapei Stadium va a quota 14 trofei. Nove quelle conquistate dalla Roma, 7 quelle dell'Inter e della Lazio, 6 per il Napoli, a 5 con il Milan ci sono Torino e Fiorentina. A 4 la Sampdoria, a 3 il Parma.

Tamponi, maschere, striscioni e qualche tensione. Il calcio ritorna alla normalità, ma anche - e purtroppo - a vecchie abitudini. Torna il pubblico in uno stadio di calcio, per i 4.300 spettatori della finale di Coppa Italia tra Atalanta e Juve il ministro Speranza firma anche un prolungamento del coprifuoco, e quelle macchie di tifo sugli spalti dello stadio di Reggio Emilia sanno tanto di fine del tunnel.

Un'ora prima del fischio d'inizio una sessantina di ultras della Juventus, sprovvisti di biglietto, hanno tentato di assaltare un gruppetto di tifosi bergamaschi esplodendo pure un paio di bombe carta.

Buffon che gioca l'ultima partita in bianconero, Chiesa che segna il gol della vittoria e del riscatto. Tra passato e futuro, sono i fotogrammi della serata del riscatto Juve. Pirlo fa festa a Reggio Emilia per la 14/esima Coppa Italia della Juve, vinta 2-1 in una finale tiratissima con l'Atalanta. Dopo la Supercoppa e' il secondo successo della stagione per il tecnico, esordiente assoluto, ma alla Juve vincere non e' importante, è l'unica cosa che conta. E allora la Coppa consola i 900 tifosi bianconeri presenti su 4.300 spettatori complessivi - vera novita' della serata - e rende meno amara l'annata ma cambia di poco il bilancio della gestione Pirlo, per il futuro Ad aver vinto è l'abitudine alle finali della Juve.


"Certo che mi riconfermerei, io amo allenare questa squadra". Andrea Pirlo festeggia così nel modo migliore il suo compleanno con la conquista della Coppa Italia da parte della sua Juve. "E' stata una finale degna di questo nome e finalmente con il pubblico. Avevamo la voglia di vincere, ci siamo ricompattati dopo una stagione non buonissima. Abbiamo meritato. Queste vittorie non possono cancellare gli alti e bassi della stagione".

Coprifuoco rispettato dai tifosi della Juventus che non festeggiano la vittoria di questa sera in Coppa Italia contro l'Atalanta. Piazza San Carlo, cuore di Torino, da sempre punto di ritrovo per festeggiare le vittorie di bianconeri e granata è rimasta deserta. Solo le forze dell'ordine a controllare che non ci sia chi trasgredisce alle misure antiCovid. Anche per le strade e nei corsi principali non si sentono clacson e non c'è il consueto carosello di auto. Nemmeno quelle poche bandiere come era avvenuto la scorsa estate alla vittoria dello scudetto. Forse non solo per le restrizioni, ma anche per una stagione che i fan speravano migliore.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie