Comunali 2017

16 capoluoghi a c.destra, 6 a c.sinistra

Palermo e Parma 'civiche'. Prima del voto 15 a 5 per c.sinistra

Redazione ANSA ROMA

Il centrodestra si impone in 16 capoluoghi (Alessandria, Asti, Frosinone, Rieti, Como, Gorizia, La Spezia, Lodi, Genova, Monza, Oristano, Piacenza, Pistoia, Verona, Catanzaro, l'Aquila), il centrosinistra in 6 (Padova, Belluno, Lecce, Lucca, Taranto, Cuneo); Federico Pizzarotti, ex M5S e ora con una lista civica, si conferma sindaco di Parma.
    Leoluco Orlando, "civico" di centrosinistra, resta primo cittadino di Palermo, mentre Trapani (dove non è raggiunto il quorum) dovrà tornare alle urne. Questo è il quadro, pressoché definitivo, che si delinea dalla tornata amministrativa nei 25 capoluoghi - quattro di Regione e 21 di Provincia - chiamati alle urne tra il primo turno dell'11 giugno e il ballottaggio di ieri. Risultato che ribalta la situazione precedente: le amministrazioni uscenti erano in 15 casi di centrosinistra, mentre il centrodestra governava in sole 5 città. Padova e Lodi erano commissariate; Parma era guidata da Pizzarotti (ex M5S) e a Verona il primo cittadino era l'ex leghista Flavio Tosi.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in


Modifica consenso Cookie