Migranti senza biglietto giù da treno, Salvini posta video

'Il clima è cambiato - twitta il ministro dell'Interno - #tolleranzazero con i furbetti. Se vuoi viaggiare, paghi come tutti i cittadini perbene'

Almeno sette migranti, tre uomini e quattro donne, una con un bambino in braccio, sono stati fatti scendere dal treno Iglesias-Cagliari da una capotreno che li ha sorpresi senza biglietto. La scena, avvenuta sabato, è stata ripresa con uno smartphone da un altro passeggero e postata su Facebook. Il video è diventato virale quanto è stato rilanciato anche dal vicepremier Matteo Salvini. "Questo non lo vedrete nei tigì, facciamo girare! Onore a questa capotreno che, in Sardegna, fa scendere un gruppo di scrocconi - scrive sulla sua pagina Fb - Il clima è cambiato, #tolleranzazero con i furbetti, anche con un uso massiccio delle Forze dell'ordine. Se vuoi viaggiare, PAGHI come tutti i cittadini perbene!".

 

 Prima qualche parola in inglese, poi la spiegazione in italiano: "Dovete scendere dal treno, siete senza biglietto". Non sono servite le rimostranze dei sette migranti a far recedere dalla decisione la capotreno sul convoglio Iglesias-Cagliari, che ha lasciato a piedi il gruppo che non aveva pagato il ticket tentando di raggiungere Cagliari gratuitamente. "Ha fatto il suo dovere e ha fatto rispettare il regolamento", fanno sapere da Trenitalia.
    I migranti hanno tentato di rimanere sul treno, inutilmente.
    "Siete in grado di lavorare - ha detto la capotreno ripresa nel video di un passeggero rilanciato poi su Fb dal vicepremier Salvini - devono pagare tutti allo stesso modo. Dai il buon esempio a tuo figlio", ha aggiunto, rivolgendosi alla donna con il bimbo in braccio.
    Poi, fuori campo, il tentativo di alcuni migranti senza biglietto di salire da un'altra porta del convoglio e l'esasperazione della capotreno che aveva già fatto scendere parte di loro qualche fermata prima per poi ritrovarli, ancora senza ticket, seduti sulle poltrone del treno: "non ci provare: vi tiro giù a calci nel c...". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie