Afghanistan: kamikaze in una moschea a Kabul, almeno 28 vittime anche donne e bambini

Attentatore suicida si è fatto esplodere fra i fedeli sciiti, anche 45 feriti. I Talebani, "Noi non c'entriamo"

Un attentatore suicida si è fatto esplodere in una moschea sciita a Kabul: lo riferiscono polizia e testimoni. Il bilancio è di 28 morti e 45 feriti vittime, tra morti e feriti. Lo riferiscono le autorità citate dai media afghani. Le immagini mostrano i cadaveri fatti a brandelli dall'esplosione su un marciapiede accanto al luogo di preghiera.

Fra le vittime dell'esplosione, che è stata rivendicata dall'Isis, ci sono anche donne e bambini. Fridune Obadi, capo dell'anticrimine della capitale afghana, ha spiegato che "l'attentatore si è fatto esplodere nel corso di una cerimonia religiosa". In pochi mesi è la terza volta che vengono presi di mira gli sciiti in Afghanistan. I talebani sottolineano di "non aver nulla a che fare" con questi attacchi.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie