Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

L'Ue corre ai ripari sullo smog, intesa sui nuovi limiti

L'Ue corre ai ripari sullo smog, intesa sui nuovi limiti

Ok alla direttiva su qualità aria, c'è diritto al risarcimento

BRUXELLES, 20 febbraio 2024, 21:24

Redazione ANSA

ANSACheck

Parigi - RIPRODUZIONE RISERVATA

Parigi -     RIPRODUZIONE RISERVATA
Parigi - RIPRODUZIONE RISERVATA

Lo smog continua a uccidere 330mila persone all'anno in Europa. E, mentre l'allarme resta alto in Italia, le istituzioni Ue rispondono rilanciando l'azione sul Green Deal con regole più severe contro l'inquinamento dell'aria.

Dopo un ultimo round di negoziati a Bruxelles contraddistinto da uno spirito "collaborativo", i governi dei Ventisette e l'Europarlamento hanno raggiunto l'accordo sulla nuova direttiva che introduce alcune novità di rilievo: una stretta decisa ai livelli degli inquinanti più nocivi - le polveri sottili Pm2,5, Pm10 e il biossido di azoto (NO2) su tutti - e il diritto al risarcimento per i cittadini.

Presentate per la prima volta nell'ottobre 2022, le misure messe a punto dalla squadra di Ursula von der Leyen nel pacchetto 'Zero Pollution' stabiliscono limiti più severi per il 2030 per diversi inquinanti, tra cui il particolato (Pm2,5, Pm10), il biossido di azoto (NO2) e il biossido di zolfo (SO2). Per i due inquinanti con il maggiore impatto documentato sulla salute umana, vale a dire le polveri Pm2,5 e NO2, i valori limite annuali dovranno essere più che dimezzati, passando rispettivamente dagli attuali 25 a 10 microgrammi per metro cubo e da 40 a 20 microgrammi per metro cubo, nel tentativo di ridurre di almeno il 55% il numero di morti premature causate dalle polveri sottili. Sono inoltre previsti più punti di campionamento della qualità dell'aria nelle città.

L'Europarlamento e i Paesi membri hanno inoltre convenuto di rendere comparabili, chiari e accessibili al pubblico gli indici di qualità dell'aria, attualmente frammentati, in tutto il Vecchio Continente, dando informazioni sui sintomi associati ai picchi di smog e sui rischi per la salute associati a ciascun inquinante. Gli standard di qualità dell'aria saranno riesaminati entro il 31 dicembre 2030 e successivamente almeno ogni cinque anni e più spesso se richiesto da nuovi dati scientifici, come le linee guida riviste sulla qualità dell'aria dell'Organizzazione mondiale della sanità. Per i Ventisette l'accordo trovato prevede nuovi obblighi ma anche alcune flessibilità.

Nel dettaglio, oltre ai piani per la qualità dell'aria richiesti ai Paesi Ue che superano i limiti, tutti i governi saranno chiamati a redigere tabelle di marcia per la qualità dell'aria entro il 31 dicembre 2028, definendo misure a breve e lungo termine per rispettare i nuovi valori limite 2030. E' stata però introdotta una clausola per i Paesi membri che potranno chiedere di posticipare la scadenza del 2030 fino a dieci anni, se saranno soddisfatte alcune condizioni specifiche, anche nel caso in cui il taglio dei livelli di inquinamento possa essere ottenuto soltanto sostituendo una parte considerevole degli impianti di riscaldamento domestico esistenti. L'accordo politico introduce anche il diritto al risarcimento per i cittadini: chi subisce danni alla salute a causa dell'inquinamento atmosferico potrà essere risarcito in caso di violazione delle norme Ue da parte dei governi nazionali.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza