Mondo
  1. ANSA.it
  2. Mondo
  3. Europa
  4. Gb: visti speciali per laureati top, atenei italiani snobbati

Gb: visti speciali per laureati top, atenei italiani snobbati

L'elenco delle 37 migliori università mondiali, nessuna italiana, nemmeno tra le prime 100

 Atenei italiani snobbati nella partita per i visti privilegiati che il governo Tory britannico di Boris Johnson si appresta a garantire ai neo-laureati stranieri intenzionati a lavorare in futuro in ruoli di elevata specializzazione nel Regno Unito del dopo Brexit. Lo confermano i media dopo l'annuncio fatto la settimana scorsa dal ministero dell'Istruzione in vista di uno schema destinato a entrare in vigore dal 30 maggio.
    Il nuovo schema, denominato High Potential Individual Visa, sarà infatti riservato a chi abbia conseguito il titolo di studio in uno dei primi 37 atenei al mondo riconosciuti come tali dalle istituzioni che certificano i primati globali di qualità. E nella classifica stilata dalle autorità d'Oltremanica - compilata mettendo a confronto i dati delle 3 graduatorie universalmente prese a modello (il Times Higher Education World University Rankings, il Quacquarelli Symonds World University Rankings, The Academic Ranking of World Universities) - nessun ateneo generalista italiano compare neppure fra i primi 100.
    L'elenco, dominato dagli Usa e con alcune presenze asiatiche, include del resto solo 5 università europee: due svizzere (i Politecnici di Losanna e Zurigo), una francese (l'Ecole Normale di Parigi), una svedese (il Karolinska Institutet di Stoccolma) e una tedesca (l'università di Monaco di Baviera, LMU).
    L'obiettivo dichiarato del High Potential Individual Visa è attrarre sull'isola nuovi cervelli e talenti stranieri qualificati, al di là della manodopera a basso costo. Chi vorrà far domanda, dovrà però dimostrare di avere almeno 1.500 euro su un conto corrente, oltre a poter pagare 750 euro all'anno per i contributi sanitari. Ma non avrà bisogno di sottostare ad altre formalità burocratiche, purché laureato nei 5 anni precedenti in uno degli atenei top. Ovviamente gli studenti italiani non sono esclusi ipso facto per passaporto: anche per loro varrà infatti il riferimento all'alma mater di provenienza, non il Paese di nascita.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie